di Gennaro Volpe

 

Le squadre in campo
Le squadre in campo

NAPOLI – In uno stadio “Collana” chiuso al pubblico per decisione della Prefettura di Napoli, la Puteolana in piena emergenza difensiva (Salvati e Russo squalificati, Signore e Imbriaco infortunati), riesce, nel derby contro i corallini della Turris, a conquistare un punto importante in chiave salvezza, da giocarsi attraverso la lotteria dei play-out. Formazione quasi obbligata, viste le assenze, per mister Potenza. Davanti a Despucches, la linea difensiva è composta da Esperimento e D’Ascia sugli esterni, con Visciano (che arretra da centrocampo) e Carezza a formare un’inedita coppia di centrali. Il quartetto di centrocampo vede al centro Scognamiglio e Siciliano, con Fioretti e Manco che si alternano sulle due fasce a supporto del tandem composto da Foggia e Pignalosa.

LA GARA – Pronti via ed è subito la Turris a rendersi pericolosa. Prima Moxedano in girata colpisce il palo, poi dopo un minuto Croce con una rovesciata manda la palla di poco a lato. Ancora Croce al 18′ si divora una ghiotta occasione a tu per tu con Despucches. La risposta della Puteolana, arriva solo al 27′ con Scognamiglio che però calcia alto sulla traversa. Sul finire del tempo, Foggia impegna con un tiro insidioso Liccardo, che si fa trovare pronto, mandando la palla in calcio d’angolo. La ripresa si gioca sotto una pioggia battente e con una Turris che si spinge in avanti per far sua l’intera posta in palio. Al 58′ Moxedano calcia a botta sicura ma Visciano e bravo a respingere la conclusione. Tre minuti più tardi Amendola colpisce il palo della porta difesa da Despucches. Poco dopo su un rilancio difensivo, Foggia non riesce a sfruttare quella che poteva essere un’ottima occasione. Al 73′ la Puteolana si porta in vantaggio. D’Ascia dall’out sinistro serve nel corridoio Manco, che si invola, superando due difensori, verso la porta avversaria e trafiggendo con un tocco morbido Liccardo. Subìto lo svantaggio la Turris si butta in avanti trovando al 78′ il pareggio con Croce. Ma la Puteolana non demorde e cerca di riportarsi nuovamente in vantaggio. L’occasione monumentale l’ha Pignalosa, che trovandosi a tu per tu con Liccardo non calcia in porta, con la palla che giunge a Fioretti ma un difensore corallino salva quasi sulla linea di porta. All’85’ la Turris rimane in dieci, con Iovinella che viene espulso per doppia ammonizione. Stessa sorte tocca al 91′ a Pignalosa che commette un ingenuo fallo sulla linea di fondo del centrocampo. Al 93′ ancora Puteolana vicinissima al vantaggio con i due neoentrati Loiacono e D’Auria. Loiacono dall’interno dell’area di rigore serve D’Auria, il cui tiro sfiora di poco la rete. Ma la beffa potrebbe essere dietro l’angolo, con Croce che a tempo scaduto mette di testa incredibilmente fuori.

POTENZA – «Oggi poteva arrivare la vittoria perchè siamo andati in vantaggio però alla fine la partita la potevano vincerla anche loro dato che hanno avuto diverse occasioni» – sottolinea mister Potenza. «Devo fare i complimenti alla mia squadra per quanto hanno fatto e per come si sono sacrificati. Sono dei ragazzi che hanno cuore spirito, anima e voglia di lottare. A loro bisogna solo porgere i ringraziamenti per il sacrificio che stanno impiegando in questo campionato» – evidenzia il tecnico della Puteolana.  Pessime le condizioni del campo di gioco del “Collana”. «Sono stanco di sentire parlare di terreni di gioco, non ce la faccio più per un motivo specifico. Una squadra che deve salvarsi deve saper giocare e sapersi adattare anche in un parcheggio. Perchè noi dobbiamo volere la salvezza con tutte le nostre forze, perchè il pubblico lo merita, perchè ci hanno sostenuto in un momento difficile, sicuramente abbiamo tradito e deluso quelle che erano le nostre aspettative a partire dall’allenatore a finire all’ultimo componente della squadra, passando per la società. É un’annata particolare, dobbiamo cercare di portare a casa la salvezza, sperando poi che la Puteolana sia destinata a lidi migliori» – conclude Potenza.

Le squadre di Turris e Puteolana a centrocampo