Emanuele Casapulla

POZZUOLI – «Palma non ha comprato la Puteolana e ogni trattativa è chiusa. Venerdì doveva fare il bonifico e non lo ha fatto, i suoi assegni circolari non li ho voluti perché non era la formula di pagamento che avevo richiesto. E, a differenza di quanto mediaticamente va dicendo, io la società non gliel’ho voluta dare». Sono queste le parole rilasciate questo pomeriggio a “Cronaca Flegrea” dal presidente della Puteolana 1902 Emanuele Casapulla che sembrano mettere definitivamente la parola “fine” su un’eventuale cessione della società granata all’avvocato Giovanni Palma. La trattiva tra le parti non ha sortito alcun effetto e oggi l’imprenditore di Volla ha ribadito la propria volontà a non cedere il titolo della squadra attualmente fanalino di coda in serie D.

Giovanni Palma

LA TRATTATIVA – «Sento parlare di tante trattative che ci sarebbero state per la cessione della società, ma l’unica è stata con l’avvocato Palma che però non è andata a buon fine perché mancava la cosa più importante: i soldi. Palma -racconta il presidente della 1902 – voleva acquisire la squadra con una società neonata. Gli ho fatto annullare quegli assegni circolari perché avevamo richiesto i bonifici come garanzia, ma lui non li ha fatti. Venerdì abbiamo trascorso l’intera giornata in ufficio fino alle dieci di sera ma niente, nonostante gli avessi pure decurtato dalla cifra totale alcune spese che lui non voleva pagare.»

CASAPULLA RESTA – «Da oggi -conclude Casapulla- la Puteolana non è in vendita, non la cedo nemmeno per 100mila euro in contanti. Ho comprato un esterno di difesa e un attaccante che ha esperienza con squadre di vertice di serie D. Adesso voglio regalare i risultati ai tifosi, purtroppo finora il vento non è girato dalla nostra parte». ‘