POZZUOLI – Non è stata solo una “furbata”. Dietro al gesto di un operaio impegnato nella pulizia della storica fontana di Piazza della Repubblica c’è un motivo ben preciso: oltre 100 multe ricevute dalla sua azienda in appena 4 mesi per infrazione delle ZTL di via Napoli e di Pozzuoli e della zona pedonale di Piazza della Repubblica. Si tratta della “Flegrea Scarl”, che dal 2020 è affidataria dell’appalto per la gestione e manutenzione della rete idrica e fognaria del comune di Pozzuoli. La società, nonostante abbia una serie di autorizzazioni e contrassegni per l’accesso dei propri mezzi (auto e furgoni) continua a ricevere multe che ad oggi hanno raggiunto una cifra totale che supera le 15mila euro.

DANNO ERARIALE – Stessa sorte è toccata, negli ultimi tempi, anche a diversi mezzi del servizio ambiente del comune di Pozzuoli sanzionati per le stesse infrazioni che hanno spinto il dirigente della sezione 8 Stefano Terrazzano ad impugnarle. Praticamente il comune di Pozzuoli che fa ricorso contro il comune di Pozzuoli. Una valanga di multe che ha fatto partire una lunga serie di ricorsi al Giudice di pace e al Prefetto e che, a detta dell’avvocato dell’azienda, qualora dovessero essere accolti porterebbero a un “danno erariale” per il comune di Pozzuoli. Resta da capire cosa sia accaduto visto che i numeri di targa dei veicoli autorizzati vengono inseriti nella “lista bianca”, una sorta di banca dati che permette alle telecamere di riconoscerli senza dare il via all’iter per l’emissione del verbale.