di Gennaro Del Giudice

monte dei paschi di siena bacoli
Il Monte dei Paschi di Bacoli

BACOLI – Dopo aver sfondato un muro sono riusciti ad entrare nella banca dove armati di pistole hanno minacciato i dipendenti mettendo a segno una rapina da circa 150mila euro (secondo una prima stima). E’ il colpo realizzato nel pomeriggio di ieri a Bacoli, ai danni del Monte dei Paschi di Siena di via Miseno 115. Gli autori della rapina sono due uomini che dopo aver preso i soldi si sono dati alla fuga a bordo di una moto di grossa cilindrata. Sull’episodio indagano i carabinieri della locale stazione diretta dal maresciallo Carmine Napolitano.

 

LA RAPINA – L’istituto di credito si trova al piano terra di una palazzina che sorge di fronte alla villetta comunale. Stando alle prime ricostruzioni i due (forse aiutati da altri complici) hanno avuto accesso alla banca dopo aver praticato un foro nel muro che divide il locale dal portone della palazzina pare interessata da lavori di ristrutturazione. Un lavoro certosino quello dei malviventi probabilmente avviato nei giorni scorsi. Poi il “colpo finale” ieri pomeriggio quando hanno messo a segno il raid. In due, dopo aver atteso il “momento giusto” sono entrati all’interno dei locali che ospitano il Montepaschi e con i volti coperti da passamontagna e pistole in pugno hanno minacciato i presenti intimando ai cassieri di consegnare i soldi. Preso il bottino (che secondo una prima stima ammonterebbe a circa 150mila euro) i rapinatori si sono dati alla fuga in sella a una moto facendo perdere le loro tracce. Un colpo le cui sequenze sono state riprese dalle telecamere di sorveglianza dell’istituto e che potrebbero essere utili ai carabinieri per risalire all’identità dei rapinatori.