di Alessandro Napolitano

Il mostro mandato al centro di igiene mentale
Il mostro mandato al centro di igiene mentale

POZZUOLI – Dovrà frequentare per un anno il Centro di igiene mentale del rione Toiano e attenersi alle limitazioni previste dalla libertà vigilata. Questi gli obblighi decisi nei confronti del 43enne accusato di aver avvicinato due ragazzini per scopi a dir poco raccapriccianti: soldi in cambio di atti sessuali.

SESSO IN CAMBIO DI SOLDI – La vicenda risale ad un anno fa. Era il giugno del 2014, infatti, quando dal racconto delle due piccole vittime scattò il fermo per il 43enne. I due ragazzini, appena 13enni, si trovavano sul lungomare di via Napoli a fare il bagno. Tornati sulla battigia, furono avvicinati dall’uomo il quale, dopo aver stretto con loro amicizia, tirò fuori una banconota da 50 euro. In cambio dei soldi i due avrebbero dovuto acconsentire a farsi masturbare dal “mostro”.

L’ATROCE RACCONTO – I due ragazzini, sotto shock, corsero via e una volta tornati in strada fermarono una volante della polizia municipale. Raccontarono tutto e immediatamente il 43enne venne bloccato e portato via. Un anno dopo sono arrivati i provvedimenti restrittivi nei suoi confronti.