lagoMiseno 2BACOLI – Il lago di Miseno torna a far parlare di sé. Lungo il perimetro del bacino salmastro, in alcuni tratti è visibile una scia biancastra, un fenomeno che a detta dei frequentatori del posto si ripeterebbe periodicamente nei mesi invernali e durante la stagione estiva. Lo stesso che ha preoccupato più volte, negli ultimi anni, i componenti dell’Associazione Freebacoli, nonché il sindaco della città, Josi Gerardo Della Ragione, all’epoca dei fatti punta di diamante del comitato cittadino. Soltanto nel luglio dello scorso anno, la “schiuma” che costeggiava alcuni tratti dello specchio d’acqua venne analizzata dagli esperti dell’Arpac (l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania), intervenuti su richiesta del Comune di Bacoli, i quali attribuirono gli episodi ad un fenomeno di eutrofizzazione delle alghe.

lagoMiseno 1FREEBACOLI TACE? – Tesi, questa, che non convinse del tutto gli attivisti di Freebacoli che sul loro blog scrivevano: «La schiuma, in alcuni tratti particolarmente densa potrebbe essere causata dalla presenza di idrocarburi». E in tal caso si tratterebbe di un «inquinamento inaccettabile che minaccia la salubrità dell’area definita Sic, Sito d’Interesse Comunitario». E così, oggi, i cittadini sollecitano l’Amministrazione targata “Freebacoli” a puntare nuovamente i riflettori sulla “misteriosa” schiuma che ancora desta non poca preoccupazione, al fine di scongiurare la presenza di scarichi illeciti.