giardini dedaloBACOLI-MDP – Dedalo è l’architetto della mitologia greca, noto per il famoso labirinto del Minotauro a Cnosso. Virgilio lo ricorda, quando Enea giunge nel santuario nei pressi della Sibilla. Fu infatti Dedalo a costruire il tempio  di Apollo a Cuma e consacrarlo alle sue ali, che gli permisero di scappare dal labirinto insieme a suo figlio Icaro. Il labirinto è un tema molto usato in arte, in letteratura, a teatro. E’ la metafora dell’uomo e della sua capacità di essere interprete del proprio destino. Essere protagonisti nei Campi Flegrei: calza bene questa similitudine per l’associazione “Cappella Futura”, che per il sesto anno consecutivo propone la kermesse “Il Borgo in Festa”.

locandina cappella futuraIL BORGO IN FESTA – «La tenacia, la cittadinanza attiva e la riqualificazione del territorio, sono la forza del nostro gruppo – spiega entusiasta Antonio della Ragione in rappresentanza del comitato cittadino –Un ricco programma di eventi estivi allieterà, nei week-end, cittadini residenti e turisti da giugno fino al 2 ottobre”. E non a caso la nuova location è all’interno dei “Giardini di Dedalo”, uno spazio pubblico alle spalle delle “Palazzine”, la vecchia Cava nei pressi di Piazza Silvestri, con delle passeggiate, panchine, tanto verde ed anche un’esedra che sarà il teatro della rassegna. Il Giardino fu finanziato attraverso Fondi Europei destinati il recupero dei vecchi sentieri. Giardino voluto dal Sindaco Pippo Coppola e disegnato dagli architetti Riano e Di Benedetto, fantasticando allegoricamente un volo per la terra flegrea.

LA RASSEGNA – Salvatore Illiano, anfitrione artistico dell’iniziativa ci racconta: «E’ bello vedere realizzato un sogno. Tante compagnie, musicisti ed associazioni che gratuitamente offrono il loro contributo artistico, uniti in un cartellone per il rilancio della cultura, l’arte e il tempo libero nel nostro territorio. Spicchiamo in volo sconfiggendo il Minotauro dell’apatia e dell’indifferenza sociale». Si parte questa sera, sabato 4 giugno alle ore 21, con “Cronaca di una famiglia scombinata”, a cura della Compagnia Arte Povera. 23 gli spettacoli in programma, legati dal filo di “Arianna” della creatività, della passione, della competenza artistica.