382102_511540628876231_97570505_n
E’ tempo di Tattoo alla Mostra d’Oltremare

FUORIGROTTA – Inchiostro e circo fusi insieme per la Napoli Tattoo Convention. Alla Mostra d’Oltremare trionfano la body art e il tatuaggio, da oggi fino a domenica 1 giugno i padiglioni di Fuorigrotta ospitano l’undicesima edizione dell’expo organizzato da Friz Tattoo e Costatoo. La kermesse offre l’occasione di vedere all’opera 250 tatuatori internazionali e intreccia eventi come mostre d’arte, performance, workshop, concorsi a premi e tanti giochi.

IL GEMELLAGGIO CON IL CIRCO – Quest’anno il Tattoo fa un salto temporale e si gemella con il circo da dove tutto ebbe origine: tra tatuatori ed artisti, eccoli comparire giocolieri, trampolieri e circensi. “Venghino siori, venghino! Ammirate le meraviglie dell’uomo più tatuato al mondo, le bellezze esotiche, frutto di una terra lontana e ancestrale…”. Poteva suonare più o meno così il discorso di benvenuto di un imbonitore all’ingresso di un circo agli inizi del secolo scorso, dove oltre agli spettacoli dei circensi, degli animali ammaestrati e dei giocolieri, era sempre presente l’attrazione legata al tatuaggio. La popolarità dei tatuaggi a cavallo tra ‘800 e ‘900 deve quindi molto al circo: se il circo prospera di conseguenza il tatuaggio vive, se il circo fallisce sia performers che tatuatori rimangono senza lavoro.

DIVENTARE GIOCOLIERI IN TRE GIORNI – Questa volta, a Napoli è il Tattoo ad ospitare il circo. Diventare circensi e giocolieri per tre giorni, durante la convention si può, grazie a Circ’arena. Professionisti e artisti di strada faranno provare a tutti i presenti attrezzi circensi, globi da equilibrismo, monocicli, e impartiranno piccole lezioni di giocoleria alternati ad allenamenti, come tradizione vuole, naturalmente su di una pista da circo. Inoltre la gara a premi è aperta a chiunque voglia mostrare le proprie abilità circensi.

10363906_642931462459921_7631499073049862230_n
Giocolieri e trampolieri alla Tattoo Convention

VOLTI STORICI DEL TATUAGGIO – Con il tuffo nel passato non potevano mancare volti storici del tatuaggio internazionale, grande novità di quest’anno la presenza di Gippi Rondinella leggenda del mondo del tatuaggio, è stato uno dei primissimi italiani ad intraprendere e praticare la carriera del tatuatore. Era il 1976 quando Gippi iniziò ad avvicinarsi a questo mondo. Nel 1986 fonda uno dei primissimi shop a Roma, per lui “tatuarsi è un modo di raccontare se stessi”.

MOSTRE E LABORATORI – Tattoo significa arte e non potevano mancare mostre ed esposizioni: il pubblico avrà la possibilità di vedere in diretta il lavoro di diciotto artisti-tatuatori su un unico corpo: Overlap. La performance avrà luogo il 30 maggio dalle ore 16.00 alle 20.30. Un progetto nato da un’idea di Fabio Gargiulo che ha come scopo, quello di  accorpare in un’unica opera, diversi “tatuatori”, ognuno con la propria personalità ed il proprio stile. In questo caso l’opera sarà la sagoma di un corpo umano di dimensioni reali, che verrà inizialmente separata in 5 parti (braccia, torso e cosce), dipinte da uno o più artisti, per poi alla fine ricomporre il tutto e dar vita ad un’unica opera: Overlap. Inoltre le due collettive sul tema dell’Alter ego a cura di Elena Di Legge e Francesco Petrosino.