POZZUOLI – Giovedì, a partire dalle 10, nell’Auditorium dell’Istituto Tigem di Pozzuoli avrà luogo il meeting “La Fabbrica del Sogno – Olivetti a Pozzuoli”, organizzato dall’amministrazione comunale di Pozzuoli e dall’associazione dei Tecnici Flegrei CAPP 80078. Il convegno, che si avvale della collaborazione della Fondazione Adriano Olivetti e dell’Associazione Archivio Storico di Ivrea, intende ripercorrere il passato dell’iniziativa voluta da Adriano Olivetti, che, grazie al contributo dell’ingegnere Luigi Cosenza, realizzò a Pozzuoli uno stabilimento modello, autentico gioiello architettonico a misura d’ambiente e di uomo. Dopo i saluti del direttore del Tigem Andrea Ballabio, del presidente di “CAPP 80078” Giovanni Orsi, del presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli Edoardo Cosenza e del presidente dell’Ordine degli Architetti di Napoli Leonardo Di Mauro, verrà proiettato il documentario “Sud come Nord” di Nelo Risi realizzato nel 1957.

LA TAVOLA ROTONDA – La prima parte della giornata si concluderà con gli interventi di Giancarlo Cosenza, Pasquale Belfiore, Ugo Carughi, Francesco Rispoli e Roberto Gerundo(assessore al Governo del Territorio del Comune di Pozzuoli) sul tema: “Dal passato al presente”. La seconda sessione del meeting, con inizio alle ore 15, è dedicata alla transizione dello stabilimento in Comprensorio di Aziende, con la messa a frutto degli spazi a disposizione di varie imprese. Interverranno Cinthia Bianconi, Gaetano Di Tondo, Roberto Gerundo e Bruno Discepolo. A conclusione della giornata una tavola rotonda moderata dal giornalista Gennaro Cavaliere, che vedrà come protagonisti i sindaci delle città olivettiane – Vincenzo Figliolia di Pozzuoli, Stefano Sertoli di Ivrea e Raffaello De Rugieri di Matera – in un aperto confronto sul senso di comunità e sull’eredità ancora in campo del progetto di Adriano Olivetti. «Sarà l’occasione giusta per valorizzare la cittadella tecnologico scientifica, fiore all’occhiello dell’ex Olivetti – dichiara l’Assessore alla Cultura Maria Teresa Moccia Di Fraia, che introdurrà e modererà la giornata di studi –. I laboratori del TIGEM, quelli del CNR, il neonato Corso di Laurea in Scienze della Difesa e della Sicurezza ne rappresentano oggi la realtà: bisogna ripartire da queste eccellenze per ridisegnare, attraverso ricerca e innovazione, lo sviluppo della futura Pozzuoli».