NAPOLI – Ha sparato contro la vetrina del bar gestito da colui ritenuto amante della sorella, e con la quale ha intrattenuto una relazione extraconiugale. Questa l’accusa nei confronti di un 25enne già noto alle forze dell’ordine e ritenuto affiliato al clan Vanella Grassi di Secondigliano.

ERA AI DOMICILIARI PER DROGA – Secondo le indagini coordinate dalla Procura di Napoli ed eseguite dai carabinieri, lo scorso 5 gennaio l’uomo – tra l’altro ristretto ai domiciliari per droga – si è armato di una pistola calibro 9 che non poteva possedere, ha raggiunto il negozio dell’amante della sorella e ha mandato in frantumi la vetrina sparando con l’arma. Il 25enne è ora in carcere.