di Elena De Mari

piana3a
Residenti sul ponticello che sovrasta l’alveo dei Camaldoli

POZZUOLI- L’alveo dei Camaldoli rischia ancora una volta di straripare nella piana di Licola.  Le copiose piogge di queste ore, assieme ai numerosi detriti presenti nel canale stanno mettendo a grosso rischio i residenti della zona. Ed è subito paura  quando il livello dell’acqua dell’alveo dei Camaldoli, questa mattina,  ha raggiunto un’altezza spaventosa, quasi fino a straripare a causa della “barriera” formata da detriti, alberi e addirittura una carcassa di automobile che impedisce il normale fluire dell’acqua.

 

IL PANICO – E’ subito scattato il panico tra i residenti che con terrore hanno ricordato la tragedia del 6 novembre 2011, quando lo straripamento dell’alveo raggiunse oltre i due metri d’altezza fino ad arrivare ai primi piani delle palazzine e seminando distruzione ovunque.  I residenti si sono recati sul ponticello che sovrasta il canale per monitorare il livello dell’acqua. Sul posto anche i carabinieri della vicina stazione. «Viviamo con il terrore – ha dichiarato Angela Panella, residente della zona – la violenza dell’acqua ha già distrutto tutto ed abbiamo perso tutto. Sono tre anni che aspettiamo un intervento che però non è mai arrivato». Al momento la situazione pare essere tornata alla normalità, ma con il cielo che minaccia tempesta e la barriera che persiste, si sta temendo il peggio.

 

LE FOTO (di Angelo Greco)

[cronacaflegrea_slideshow]