POZZUOLI – È scattata la zona gialla in Campania. A partire dalla giornata di oggi hanno preso il via i saldi e le scuole hanno riaperto i battenti: si torna in presenza per gli alunni dell’infanzia e delle prime due classi della primaria. Sospiro di sollievo pure per i titolari di ristoranti e bar che, almeno fino alla giornata di venerdì, potranno alzare le saracinesche dei rispettivi locali. Il consumo ai tavoli è consentito fino alle 18. Nel corso di queste giornate gli esercenti e gli utenti dei servizi e delle attività commerciali sono tenuti al rispetto delle fondamentali e generali norme di prevenzione sanitaria: distanziamento fisico, corretto e continuo utilizzo della mascherina e igiene costante ed accurata delle mani.

LE DISPOSIZIONI – Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato ieri un richiamo all’osservanza delle disposizioni di sicurezza vigenti per l’esercizio delle attività commerciali e di ristorazione. È obbligatorio per tutti gli esercizi commerciali esporre all’esterno del locale in maniera visibile il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente. Il consumo ai tavoli è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Per pub, trattorie, pizzerie, vinerie, è fatto obbligo, tra l’altro indentificare almeno un soggetto per tavolo o per gruppo di avventori attraverso la rilevazione e conservazione dei dati di idoneo documento di identità e rilevare la temperatura corporea all’ingresso, impedendo l’accesso in caso di temperatura uguale o superiore a 37,5 °C. Lo stesso protocollo prevede, inoltre, “che il cliente potrà togliere la mascherina solo quando seduto al tavolo. In qualunque altra condizione di presenza nel locale dovrà indossare la mascherina“.

VIETATI GLI OPEN DAY A SCUOLA IN PRESENZA – In Campania gli Open day negli Istituti scolastici sono consentiti esclusivamente in modalità “a distanza” (online).

ESAURITE LE DOSI DEL VACCINO – La Campania ha raggiunto, con il 90%, la percentuale più alta d’Italia nella somministrazione dei vaccini. Nella giornata di ieri in tutte le aziende sanitarie si sono esaurite le dosi consegnate alla nostra regione. Attesa per martedì la distribuzione di nuove forniture.