1413887920-0-18enne-spacciava-davanti-scuola
In manette 18enne di Soccavo

NAPOLI – Spacciava in “un’area protetta” controllata da telecamere e pronte a lanciare l’allarme in caso di arrivo della polizia, in un bunker nascondeva giubbotto antiproiettile e una maschera. Ma nonostante tutto è stato comunque individuato e arrestato dalla polizia. Ieri sera, gli agenti del Commissariato San Paolo, hanno arrestato il 18enne di Soccavo P. S. in quanto ritenuto responsabile del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’arresto è avvenuto nell’ambito di un servizio teso a smantellare una piazza di spaccio creata in un cortile di un complesso di case popolari di Via Palazziello. I poliziotti avevano infatti da qualche giorno individuata l’area di azione dei pusher grazie anche alla scoperta di alcune telecamere posizionate in modo da lanciare l’allarme in caso di arrivo delle forze di polizia.

DROGA E SOLDI – Gli agenti sono quindi intervenuti dopo aver assistito ad alcuni scambi banconote – dosi di sostanza stupefacente. Gli acquirenti sono riusciti a darsi alla fuga facendo perdere le proprie tracce, ma lo spacciatore è stato raggiunto e bloccato. Nelle piccole aiuole dove era stato visto spesso calarsi per prelevare le dosi da vendere, sono state trovate numerose confezioni di marijuana per un peso complessivo di circa 60 grammi e hashish per un peso complessivo di circa 100 grammi. Nelle tasche il 18enne aveva 50 euro in banconote di piccolo taglio, sicuro provento dello spaccio.

BUNKER IN BOX AUTO – Seguendo i cavi di una telecamera che puntava su S., i poliziotti sono riusciti a scoprire un bunker ricavato in un’area di box auto. All’interno c’era un monitor che riprendeva appunto l’area dove il giovane spacciava, un giubbotto antiproiettile ed una maschera. Tutto il rinvenuto è stato posto sotto sequestro ed il giovane spacciatore arrestato e subito condotto alla Casa Circondariale di Napoli, Poggioreale.