Immagine di repertorio

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – «Sono una cittadina di Pozzuoli che abita al centro della città e precisamente in via Vallone Mandria. Scrivo perché oggi è il terzo giorno che io ed altri condomini di questa via siamo senza un goccio d’acqua. Ci sono persone anziane che soffrono, oltre a famiglie con ragazzi come la mia, ma a quanto pare per l’acquedotto di Pozzuoli e per il Comune va bene così. Sabato 10 luglio all’improvviso, alle 7.30 del mattino, non usciva più acqua dai rubinetti; di sabato però il numero di segnalazione guasti dell’acquedotto di Pozzuoli non funziona (come se i guasti seguissero solo l’orario di lavoro infrasettimanale!), ma comunque qualcuno è riuscito ad allertare l’acquedotto e la squadra si è messa al lavoro per capire e risolvere il problema. I lavori si sono protratti fino a domenica 11 Luglio. Alle 16.30 ho scoperto, parlando con una mia vicina, che la squadra dell’acquedotto aveva terminato i lavori. La soluzione è stata mettere un tubo volante di gomma per bypassare una condotta evidentemente rotta e portare l’acqua ai due condomini di cui faccio parte. Peccato però che gli operai dell’acquedotto non si siano minimamente preoccupati di chiamarmi per vedere se l’acqua ce l’avevo o no. E purtroppo io e tutti i condomini del terzo piano delle palazzine di via Vallone Mandria eravamo completamente a secco! Ai piani inferiori l’acqua arriva seppure in modo insufficiente per usare lavatrice e altri elettrodomestici. Domenica sera c’era la partita e più che sentire i vigili del fuoco e i vigili urbani non ho potuto fare. Lunedì gli operai dell’acquedotto di Pozzuoli hanno chiuso il buco aperto in strada per lavorare al guasto e se ne sono andati via, senza chiedere neanche questa volta se l’acqua fosse tornata per tutti noi. Per l’acquedotto che ha chiuso l’intervento evidentemente va bene così. Ieri sono stata in commissariato di Polizia per sporgere denuncia, non mi è mai successo prima d’ora di vivere in un simile incubo. Quello che più mi lascia allibita è l’indifferenza delle istituzioni, per il Comune di Pozzuoli che non interviene, non manda neanche un autobotte è chiaro che dobbiamo arrangiarci come se questa fosse una calamità, ma anche durante le calamità si presta soccorso, qui invece siamo completamente abbandonati. Non credo che la mia sarà l’unica denuncia. Con queste temperature la situazione igienica si fa più grave di ora in ora. Trovo molto preoccupante che il nostro sindaco commenti su Facebook che il nostro problema derivi da una scarsa erogazione dell’acquedotto ABC di Napoli. A parte questo commento non ho visto fare altro al primo cittadino. Ma è importante che le istituzioni vengano messe di fronte le proprie responsabilità; se non lo capiscono da soli, è bene che qualcuno gli ricordi che l’acqua è un bene primario e inalienabile e ne va della salute delle persone».

Angela Sorrentino
(abitante di via Vallone Mandria)