Il sindaco Rosa Capuozzo
Il sindaco Rosa Capuozzo

QUARTO – Capi settore improvvisamente in ferie, altri che di fatto “bocciano” le proposte dell’amministrazione. Con il risultato che idee e progetti non vedano mai la luce. E’ questo, in sintesi, il “messaggio” del sindaco Rosa Capuozzo, trovatosi con i bastoni tra le ruote per ciò che concerne soprattutto due degli attuali “temi caldi”: i ticket per i dipendenti e il trasporto su gomma. Secondo il primo cittadino, ad entrambi i tagli si sarebbe potuto ovviare mediante il reperimento di fondi da altri capitoli di bilancio. Ma a bloccare l’iter, sempre secondo la fascia tricolore, sarebbero stati sempre gli stessi capi settore: quello economico finanziario e quello del personale.

“CI SIAMO SOSTITUITI A LORO” – In pratica, sarebbero stati questi ultimi a fungere da opposizione, quasi a sostituirsi alla politica. L’ultimo episodio giovedì mattina: «Abbiamo avuto delle difficoltà in questi giorni – racconta il sindaco – tra un capo settore che non torna in sede nonostante un appuntamento e non prepara gli atti propedeutici per una questione urgente e dopo due ore dall’entrata in servizio si mette in ferie». E così sindaco e giunta si sono messi a lavoro sostituendosi ai capi settore a loro “infedeli”. «Abbiamo cercato tra i capitoli di spesa, abbiamo trovato i soldi sia per i ticket che per i trasporti – aggiunge Rosa Capuozzo – abbiamo fatto un lavoro di sei ore per arrivare al documento, dopodiché manca ovviamente l’atto gestionale».

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI – Rapporti logori da tempo, dunque e che col passare dei mesi sono andati addirittura peggiorando tra giunta e i responsabili dei due settori “incriminati”. Ed ora non si escludono provvedimenti disciplinari nei confronti dei capi settore che con il loro agire avrebbero bloccato l’iter per evitare tagli drastici come quelli appena visti.