di Alessandro Napolitano

rifiuti
Un camion per la raccolta dei rifiuti

QUARTO – Per la raccolta dei rifiuti in città si cambia ancora una volta azienda. Il Comune, infatti, ha revocato il servizio alla Melito Multiservizi affidandolo alla ditta Gardenia, una “vecchia” conoscenza di via De Nicola che esattamente un anno fa subentrò a sua volta ad un’altra ditta, la Alba Paciello. Questa volta a far scattare la revoca dell’affidamento alla Melito Multiservizi è stata una presunta irregolarità contributiva relativa alla Sagi Service, altra ditta della quale si era servita la Melito Multiservizi. Pare che tutto il caos creatosi sia frutto di una «svista» della Stazione unica appaltante e cioè del Provveditorato interregionale per le opere pubbliche della Campania e del Molise. Il quale, forse con troppa fretta, nell’agosto scorso aveva dato il suo placet all’aggiudicazione definitiva del servizio alla ditta Melito Multiservizi.

UNA “TELENOVELA” – Ma appena un mese dopo spunta fuori un documento contabile della Sagi Service, ritenuto irregolare. Considerata la presunzione di irregolarità è scattata immediatamente la procedura di revoca del servizio che tra l’altro sarebbe durato per ben tre anni. Ora tutto torna nelle mani della Gardenia che un anno fa si distinse per essere stata all’altezza della situazione. La telenovela tutta quartese del servizio di igiene urbana iniziò con il fallimento della Quarto Multiservizi, nel 2013. L’affidamento del servizio finì alla Alba Paciello di Casagiove, in provincia di Caserta. Dopo pochi mesi, però, a fermare tutto ci pensarono i magistrati della Procura di Nola che contestarono alla società una presunta irregolarità contabile nel Comune di San Gennaro Vesuviano. Si passò dunque alla Gardenia, fino all’agosto scorso. Dal Comune, però, fanno sapere che non dovrebbero esserci problemi per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti e che quindi il nuovo, ennesimo cambio, non dovrebbe comportare altre criticità come quelle vissute spesso in passato.