di Alessandro Napolitano

La Fescina ripulita
La Fescina ripulita

QUARTO – Ha rivisto la luce del sole ad un anno dall’ultima pulizia e a coordinare le operazioni c’era un “ospite” d’eccezione: Raffaella Iovine, nella doppia veste di assessore e addetta alla sorveglianza volontaria per conto della Soprintendenza. Erba alta anche oltre un metro, ingresso sbarrato da rifiuti e l’impossibilità di scorgerla dall’esterno. La Fescina è ora finalmente visibile, dopo diversi giorni di lavoro. L’area archeologica, eretta oramai a simbolo della città grazie anche alla sua caratteristica forma, risale all’epoca romana. Fa parte di una necropoli nella quale ci si riuniva per la incinerazione dei defunti. «Questo lavoro di valorizzazione, per adesso occasionale, è stato possibile grazie alla Soprintendenza archeologia della Campania – ha spiegato Raffaella Iovine – all’assessorato che rappresento (Turismo e Spettacolo) all’assessorato all’Ambiente e ai Lavori pubblici». Intanto, a partire da domenica prossima, iniziano i percorsi di Ad Quartum Extraordinaria, con visite guidate in siti presenti anche su aree private. A partire dalle 19, dunque, sarà possibile scoprire piccoli tesori ai più sconosciuti. Domenica 26 si inizierà con la masseria Don Orazio di via Viticella dove si potrà anche degustare un rinfresco offerto dalla contrada Viticella.

[cronacaflegrea_slideshow]