QUARTO – Seppur provvisoriamente, i lavori per la realizzazione di un’antenna 5G in via Cocci sono stati di fatto bloccati. L’alt è arrivato dalla Settima sezione del Tar della Campania, che ha accolto l’istanza cautelare avanzata da decine di ricorrenti. In particolare, si tratta del silenzio assenso riguardante la richiesta da parte di Iliad Italia “per la installazione di un nuovo impianto di radio-trasmissione per rete di telefonia mobile”, nonché “l’adeguamento strutturale del preesistente impianto porta-antenne”.

STOP ANCHE PER L’ARPAC – A ciò c’è da aggiungere anche lo stop al parere positivo rilasciato dall’Arpac. In aula si tornerà il prossimo 15 luglio, quando i giudici decideranno in maniera definitiva sulle sorti della tanto contestata antenna di ultima generazione. Un impianto che ha fatto scendere in strada centinaia di persone per chiedere che non venissero installati impianti di questo tipo senza avere prima certezze sulla loro reale pericolosità.