Il sopralluogo dei tecnici comunali sul tetto dello stabile danneggiato dalla pioggia
Il sopralluogo dei tecnici comunali sul tetto dello stabile danneggiato dalla pioggia

QUARTO – Hanno trascorso la seconda notte dormendo sulle sedie e facendo i turni: temono che le loro abitazioni vengano occupate nottetempo e promettono di restarci fino a quando non potranno rientrarci. Sono gli occupanti di due alloggi popolari nel rione 219 di via De Gasperi, seriamente danneggiati dalle piogge dei giorni scorsi. Gli allagamenti – riguardanti due abitazioni poste su piani contigui – hanno indotto i vigili del fuoco a decretare la non agibilità dei due alloggi.

DRAMMA PER DUE FAMIGLIE – Per nove persone, tra le quali tre minorenni e una donna disabile al 100 per cento, è arrivato l’ordine di sgombero da parte del sindaco, in qualità di autorità comunale di Protezione civile, sanitaria e pubblica sicurezza. Ma gli inquilini non vogliono saperne di andar via. Non solo temono atti di sciacallaggio, ma soprattutto l’occupazione di quegli alloggi da parte di chi non ne ha diritto. I più piccoli invece sono stati accolti da familiari ed amici.

DIECI GIORNI E 60MILA EURO PER I LAVORI – Da via De Nicola, intanto, si sta cercando di stabilire i tempi per il rientro degli occupanti. Secondo una prima stima, così come sottolineato anche dall’assessore con delega al Patrimonio, Mauro Scarpitti – che in più occasioni e fin dal primo momento si è recato in via De Gasperi – occorreranno circa 60mila euro e una decina di giorni per la messa in sicurezza. I lavori riguarderanno l’intero tetto dello stabile che ospita i due alloggi. Dunque, è una corsa contro il tempo. E le previsioni meteo per i prossimi giorni non sono delle migliori.