Via Pergolesi al buio

POZZUOLI – Nessuna luminaria per ricordare ai commercianti e ai residenti di via Giambattista Pergolesi l’arrivo del Natale. Se in buona parte della città di Pozzuoli fioriscono addobbi e decorazioni, lungo la strada intitolata al musicista di Jesi le luci natalizie sono assenti. «Non è la prima volta che succede, non è un caso isolato che questa strada sia rimasta esclusa da qualsivoglia iniziativa legata al periodo natalizio. Non parliamo soltanto delle luminarie, ma altresì delle manifestazioni che vengono proposte ed organizzate dal Comune. Negli scorsi anni noi commercianti abbiamo organizzato una colletta e sostenuto a nostre spese l’acquisto delle luci natalizie. Decorazioni neanche lontanamente equiparabili a quelle installate al centro e nelle altre strade della città», tuonano i titolari delle attività commerciali della zona, che da anni si sentono vittime di “un trattamento differenziato e discriminatorio”.

La lettera firmata dai commercianti di via Pergolesi

LA LETTERA FIRMATA – Con una lettera firmata e indirizzata al nostro giornale, i commercianti di via Giambattista Pergolesi hanno, infatti, espresso il proprio disappunto. «È ormai noto che la giunta comunale abbia deliberato l’approvazione e conseguentemente installato le luminarie natalizie solo per le strade considerate, evidentemente, centro cittadino – si legge nella petizione –  La  “Via Nuova”, ancora una volta quest’anno, è rimasta al buio. Per chi non la conoscesse è un’arteria principale della nostra bellissima città, posta a ridosso della cumana. Come se non bastasse già la pandemia, la totale assenza di attrattive e di luminarie ha, ovviamente, un riscontro negativo sulle attività commerciali che risultano penalizzate in quanto le persone in transito a Pozzuoli non sono incoraggiate a percorrere via G. Pergolesi in quanto completamente priva di attrazioni e discretamente isolata». Gli esercenti, oggi amareggiati e delusi, speravano che anche in via Pergolesi si tornasse a vivere l’atmosfera natalizia. «Coinvolgerci sarebbe stato anche un modo per rappresentare la vicinanza dell’amministrazione, che dovrebbe operare nel rispetto dell’uguaglianza nei confronti di chi conduce attività commerciali lungo questa strada e che, come tutti, paga regolarmente i tributi previsti – incalzano i titolari delle attività – Siamo reduci da un periodo difficile in cui il commercio è stato, tra gli altri, il settore che ha pagato il prezzo più alto per la chiusura forzata. Ci chiediamo e rivolgiamo, pertanto, a chi di competenza questo interrogativo: com’è possibile che via Giambattista Pergolesi resti sempre esclusa? Non fa parte della città di Pozzuoli?».