POZZUOLI – Il Centro Sportivo Italiano – Centro Zona Pozzuoli ripropone. dopo lo stop forzato a causa del Covid-19, il “Torneo di Pasqua”, kermesse di calcio a cinque che coinvolge i giovani degli oratori, delle parrocchie e delle associazioni sociali della Diocesi di Pozzuoli. La proposta ciessina per i giovani dell’area flegrea arriva dopo i positivi riscontri ottenuti con le iniziative già svolte a Natale e nel periodo di Carnevale in cui sono stati coinvolti oltre duecento ragazzi. La manifestazione che partirà nella giornata di oggi si svolgerà a Quarto ospitata dalle Parrocchie Divino Maestro e San Castrese. Grazie alla disponibilità dei parroci verranno accolti anche i ragazzi di altre agenzie diocesane partecipanti. Un altro importante segnale che lancia il movimento blu-arancio per ripristinare le attività e puntare alla normalizzazione con cautela e sempre nel rispetto delle norme anti-Covid.

IN CAMPO – Per tre giorni i campi oratoriali di Quarto torneranno, dunque, a popolarsi di giovani e giovanissimi con i loro istruttori ed allenatori sfidandosi in appositi tornei nelle categorie Under 10 (2012-2013), Under 12 (2011-2012), Under 14 (2008-2010) ed Under 15 (2007-2008). In gara le associazioni Divino Maestro e San Castrese di Quarto, Sant’Artema di Monterusciello, Medaglia Miracolosa e San Pietro e Paolo di Soccavo. «L’obiettivo è creare aggregazione, integrazione e rispetto per le regole tra tutti i partecipanti – afferma il presidente del Csi Pozzuoli, Girolamo Catalano – Puntiamo anche poco alla volta ad un ritorno programmato alle attività, sempre tenendo in debito conto il rispetto delle norme di tutela sanitaria anti-Covid in vigore. Assicurare momenti ludici certo ma prima dobbiamo pensare a salvaguardare la salute dei giovani atleti e dei loro tecnici e accompagnatori». Lo staff organizzativo CSI sarà supportato dai volontari del Servizio Civile del Consorzio Proodos.