di Violetta Luongo e Gennaro Del Giudice

sofia-loren-2
Sofia Loren

POZZUOLI – La città sogna e spera nell’arrivo della loro concittadina per eccellenza, Sofia Loren. Dopo tanti anni la diva potrebbe fare una sorpresa e ritornare a casa. Varie le voci che si rincorrono in città di una sua improvvisata in occasione del concerto del figlio, direttore dell’orchestra del San Carlo che suonerà questa sera al Macellum Serapeo. Dopo essere stata al Mercadante di Napoli per la proiezione del cortometraggio del figlio Edoardo è la volta di “accontentare” l’altro figlio, Carlo Ponti jr e così potrebbe essere per l’instancabile madre dopo aver sfilato anche da regina sul red carpet sulla Montée des marches alla 67esima edizione del Festival di Cannes.

NON HA MAI DIMENTICATO LA SUA TERRA – L’ultima sua visita risale al 2005 quando fu ella stessa a ricevere il Premio Civitas, da allora poche visite, per lo più private, una ufficiale fu nel 1985 quando la diva tornò nei luoghi dell’infanzia e fare da madrina all’istituzione di una biblioteca pubblica, a cui aveva partecipato con una donazione. Ci fu una speranza di rivederla nel 2000 per l’inaugurazione del cinema Sofia, a lei dedicato, ma non venne. Sofia non ha mai dimenticato le sue origini, ultimo in ordine di tempo, il suo appello per la città in lutto a causa dell’incidente a Monteforte Irpino dove persero la vita 40 persone.

PRIVILEGIO DI POCHI – La città in occasione del Premio Civitas è però blindata, l’arena del Serapeo ospiterà 800 persone invitate, quindi rivedere l’attrice, a pochi mesi dai suoi 80 anni, sarà privilegio di pochi, ma in molti sperano di poter anche solo sbirciarla da lontano.