Il Sindaco Vincenzo Figliolia
Il Sindaco Vincenzo Figliolia

POZZUOLI – Un’accusa che arriva da Alfonso De Martino, ex numero uno dell’associazione “Un’ala di riserva”, indirizzata al mondo della politica. Ai Pm Raffaello Falcone e Ida Frongillo descrive uno scenario fatto di raccomandazioni per assunzioni nei progetti di servizio civile. Accuse che ovviamente dovranno essere suffragate da prove, da fatti concreti, ma che oggi vengono rivolte nei confronti del sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, dell’ex vicepresidente del consiglio regionale Biagio Iacolare e degli ex assessori regionali Ermanno Russo e Bianca d’Angelo. A darne notizia sono i quotidiani “Il Mattino” e “Repubblica” che riportano quanto Alfonso De Martino ha dichiarato davanti ai pm lo scorso 2 luglio sullo scandalo nella gestione delle Onlus per assistenza agli immigrati e per i progetti di protezione civile.

de-martino-elezioni-pozzuoli-verdi
Alfonso De Martino

LA RICHIESTA – Alfonso De Martino fu arrestato nel maggio scorso nell’ambito di un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza su un vasto giro di complicità e collusioni nella gestione illecita dei fondi pubblici destinate alle spese necessarie per l’accoglienza e l’assistenza dei migranti, in forza di convenzione stipulata tra l’associazione ed il soggetto attuatore della Regione Campania. «Ho ricevuto raccomandazioni da parte del sindaco Figliolia, dell’assessore Russo, dell’assessore D’Angelo» – ha detto De Martino, secondo quanto riportato negli atti e dal quotidiano “Il Mattino” – «Mi ha chiesto l’opportunità di sistemare alcuni ragazzi per fare l’esperienza del servizio civile, quindi di assumere da parte mia delle persone del servizio civile. C’era stata la richiesta di venti nominativi, mi ha dato un elenco e su venti ne ho presi otto».

IL SILENZIO – C’è da rimarcare che Figliolia, D’Angelo, Russo e Iacolare attualmente non sono indagati nell’ambito dell’inchiesta. Accuse di fronte alle quali il sindaco di Pozzuoli e gli altri politici tirati in ballo da Alfonso De Martino potranno replicare. Intanto contattato dalla nostra redazione il sindaco di Pozzuoli, attaverso il suo portavoce, per ora ha preferito non commentare la vicenda.