di Gennaro Del Giudice

La Chiesa Sant'Artema di Monterusciello

POZZUOLI – Non si sono fermati nemmeno davanti a una statua della Madonna i ladri che hanno svaligiato la chiesa Sant’Artema nel quartiere di Monterusciello. Il raid è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì. Dopo aver spaccato la vetrata della porta d’ingresso, i malviventi sono entrati negli uffici e nella sagrestia portando via i soldi delle offerte. Un bottino di diverse centinaia di euro frutto di donazioni ricevute nei giorni precedenti durante la festa dedicata a Sant’Artema.  Non soddisfatti, i ladri si sono poi messi a caccia di monete scassinando una macchinetta del caffè e la gettoniera posta sotto ad una statua della Madonna. Poi la fuga dopo aver scavalcato i cancelli d’ingresso.

 

LA NOTIZIA AI FEDELI – La triste scoperta è stata fatta nella mattinata di venerdì dallo stesso parroco della Chiesa Sant’Artema, Don Elio Santaniello. Sul posto sono giunti i carabinieri della compagnia di Pozzuoli e della stazione di Monterusciello che hanno effettuato i rilievi. A dare la notizia del furto è stato il parroco durante la messa celebrata sabato pomeriggio «Abbiamo subito un furto – ha raccontato Don Elio ai fedeli – hanno rotto la macchinetta e preso i soldi delle offerte. Questi erano soldi vostri, i soldi che avevate donato per beneficenza».

 

IL PRECEDENTE – Una chiesa già finita al centro di un altro episodio di criminalità nel gennaio del 2012. In quell’occasione un parroco della Sant’Artema fu vittima di un tentativo di estorsione da parte di un 29enne del luogo. L’uomo, in preda a una crisi di astinenza, minacciò l’anziano parroco per farsi consegnare 10 euro. Un tentativo di estorsione fortunatamente sventato grazie all’intervento dei carabinieri della stazione di Monterusciello che sorpresero il 29enne bloccandolo all’interno della Chiesa.