Allarme bomba (1)POZZUOLI – Alle 14.35 in punto gli artificieri fanno brillare un trolley e un borsone da palestra. Dopo una lieve esplosione escono fuori capi d’abbigliamento. Ed è ciò che tutti, con il passare delle ore, erano ormai convinti di trovare in quei due oggetti lasciati da qualcuno (chissà quanto tempo fa) nei pressi della Curia vescovile di Pozzuoli. Ma con i tempi che corrono niente viene lasciato al caso specie se il luogo del ritrovamento è a pochi metri dalla residenza del Vescovo. «Si tratta di operazioni che vengono effettuate in queste circostanze a prescindere dal periodo» tengono a precisare i militari sul posto, allontanando ogni ipotesi di psicosi.

Allarme bomba (5)
Il momento dello scoppio

MESSA IN SICUREZZA – L’allarme bomba a Pozzuoli è scattato poco dopo le 11 di questa mattina per la presenza di due “oggetti sospetti” notati da alcuni passanti in via Luciano, a poche decine di metri dal cimitero e dal comando di Polizia Municipale. In pochi minuti l’intera area è stata completamente isolata, i due accessi alla strada bloccati dai carabinieri e i residenti invitati a restare in casa. Nessuno poteva più entrare né uscire. Sul posto sono giunti i carabinieri della Compagnia e del Nucleo Operativo di Pozzuoli, agenti del locale Commissariato di Polizia, vigili del fuoco, un’ambulanza del 118 e agenti della Municipale.

FALSO ALLARME – Dopo aver isolato il trolley e il borsone sospetti e messo in sicurezza la zona i carabinieri hanno cercato di capirne la provenienza. In particolare un uomo sospettato di aver depositato accanto a un cancello alle spalle della Curia Vescovile i due oggetti è stato “ascoltato” dagli inquirenti sul posto e subito dopo lasciato andare. Intorno all’area interessata alle operazioni si è formata una folla di curiosi e residenti, questi ultimi impossibilitati a raggiungere le proprie abitazioni. Poco prima delle 14.30 sono giunti i carabinieri del reparto artificieri che dopo aver fatto allargare la zona di sicurezza hanno fatto brillare i due oggetti dai quali sono usciti (fortunatamente) solo capi d’abbigliamento. Alle 15.30 la situazione è ritornata alla normalità e la strada è stata riaperta.

LE FOTO (di Angelo Greco)