POZZUOLI – Qualche piccolo precedente penale. C’è poco, molto poco, nel fascicolo su Marco Di Flora, 35enne di Pianura freddato a colpi di pistola ieri sera a via Cuma Licola, a Pozzuoli. Per gli investigatori non è facile capire in quali ambienti sia maturato il delitto; ancor più complesso individuarne il movente. Di Flora – qualche guaio con la giustizia per reati contro il patrimonio – non era ritenuto un esponente della malavita locale. Eppure ieri sera il 35enne è stato ammazzato come un boss. Come un “pezzo da novanta”. I killer hanno esploso tre colpi di pistola a una distanza ravvicinata: un’esecuzione in piena regola. Un messaggio di morte consegnato nella prima serata di sabato.

DISPOSTA L’AUTOPSIA –  Chi ha sparato lo ha fatto per uccidere. Su questo aspetto gli inquirenti non sembrano avere alcun tipo di dubbio. Sono, però, ancora tanti i punti da chiarire nell’omicidio di Marco Di Flora. La dinamica è molto frammentaria: l’uomo, che lavorava per una ditta di pompe funebri di Pianura, potrebbe essere stato intercettato in strada e inseguito dai suoi killer mentre era in sella al suo scooter. Una breve fuga. Il 35enne è stato raggiunto da tre colpi di pistola alla schiena dopo aver abbandonato lo scooter su cui viaggiava lungo la strada. Non è chiaro se prima avesse avuto un appuntamento con qualcuno o se sia caduto in qualche trappola. Probabile che gli abbiano teso l’agguato o che lo attendessero perché sapevano dove era diretto. Di Flora è stato trovato senza vita davanti a una villetta lungo la strada di via Cuma Licola in cui si era trasferito da poco con la sua fidanzata. Ad allertare le forze dell’ordine i residenti del posto che hanno udito il suono degli spari. La salma è stata sequestrata e trasferita al II Policlinico di Napoli dove nelle prossime ore verrà eseguita l’autopsia. Si scava, intanto, nella vita privata della vittima: nel suo passato, ma anche nelle sue frequentazioni più recenti. Le indagini della polizia proseguono a 360 gradi per cercare di fare piena luce su quelli che restano al momento ancora punti oscuri. Anche questa mattina gli agenti si sono recati sul luogo del delitto per ulteriori rilievi.