arcofel1
via domitiana ad Arco Felice

POZZUOLI – Carabinieri, vigili del fuoco e sanitari del 118 per “convincere” una donna ad aprire la porta di casa al marito. E’ quanto accaduto nella notte in via Domitiana ad Arco Felice dove in tanti si sono riversati in strada dopo aver sentito e l’arrivo delle auto dei militari e i mezzi di soccorso. Pochi minuti prima la donna (sulla sessantina di anni) si era richiusa in casa rifiutandosi di aprire la porta al marito. Ore di discussioni, urla e caos che hanno spinto l’uomo a chiedere aiuto ai carabinieri e l’intervento dei vigili del fuoco per poter accedere all’abitazione. Infatti per raggiungere la donna, in evidente stato di agitazione, è stato necessario montare una scala che ha consentito ai soccorritori di accedere al primo piano della palazzina in cui vive la coppia.   IL CAOS – Una volta raggiunto l’edificio, sono partite lunghe “trattative” con la donna che nella notte è stata poi condotta in ospedale a bordo di un’ambulanza del 118. Momenti di caos che hano avuto inizio poco dopo le 22.30, pare al rientro del marito della donna. L’uomo ha tentato invano di avere accesso alla sua abitazione venendo respinto dalla moglie che si è rinchiusa in casa iniziando ad urlare e attirando l’attenzione dei vicini e degli automobilisti. I soccorritori per poter entrare nella casa della coppia hanno montato una scala tra la strada e il balcone dell’edificio. Una volta raggiunta, la donna è stata bloccata e in evidente stato di agitazione trasferita presso il vicino ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli. (GDG)   LE FOTO [cronacaflegrea_slideshow]