POZZUOLI – Piove e l’alveo dei Camaldoli vomita in mare rifiuti e liquami. Il mare di Licola ora è un’enorme chiazza marrone, mentre la spiaggia è un tappeto di rifiuti. Una scena che si ripete dopo ogni copiosa pioggia che fa riversare in mare veleni di ogni tipo che vengono restituiti alla spiaggia.

I LIQUAMI – Giunti sulla sull’arenile di Licola si è accolti dall’odore acro dei liquami che l’alveo da ieri sera sta riversando in mare. L’acqua ormai è di colore marrone, non certo per la sabbia alzata dalle onde, tanto più che avvicinandosi allo sbocco dell’alveo il mare diventa scuro. L’alveo dei Camaldoli dovrebbe riversare in mare solo le acque piovane ed invece i numerosi sversamente abusivi rigettano nell’alveo di tutto.

I RIFIUTI – Liquami che arrivano in mare assieme a tutti i rifiuti che il corso d’acqua raccoglie lungo il suo percorso. Sacchetti, pneumatici ed ogni tipologia di spazzatura che poi ritroviamo sulla spiaggia. Rifiuti spesso ingombranti e pericolosi, come i due grossi arbusti che si vedono a pochi metri dalla battigia. Rifiuti che oltre ad inquinare potrebbero creare un pericolosissimo tappo nel canale causandone una pericolosa esondazione.

L’ALVEO – Per ora la situazione dell’alveo sembra essere sotto controllo, il punto più delicato, il pontile della piana di Licola, sembra essere libero dai rifiuti. Situazione che però potrebbe precipitare nelle prossime ore se il flusso d’acqua che ancora scorre verso il mare dovesse portarsi dietro rifiuti di grosse dimensioni.