di Gennaro Del Giudice

Lunedì 20 gennaio si festeggia il santo patrono della Polizia Municipale
La 37enne condannata per aver offeso i vigili urbani di Pozzuoli

POZZUOLI – Sono costati cari a una 37enne di Pozzuoli gli insulti rivolti ai vigili urbani durante un sequestro di dvd al mercatino di Monterusciello. La donna, che definì “ladri” gli agenti, è stata condannata a un mese di carcere.  La sentenza è arrivata  a 9 mesi di distanza dai fatti. Il Giudice del Tribunale di Napoli, in seguito alla denuncia per oltraggio e insulti a pubblico ufficiale, ha comminato la pena a un mese di reclusione convertita in un’ammenda di 7500 euro a sua volta ridotta della metà. Pertanto F.C. dovrà pagare 3750 euro per aver  chiamato “ladri” i vigili urbani. Una sentenza che ha reso giustizia agli uomini del corpo di Polizia Municipale diretto dal comandante Carlo Pubblico, offesi davanti a centinaia di persone che affollavano il mercatino rionale.

 

LA STORIA – I fatti risalgono al 13 novembre scorso. Quel giorno gli agenti effettuarono un’operazione di contrasto alla vendita illegale di cd, dvd e articoli contraffatti. Individuato un venditore abusivo, disposero una sanzione e il sequestro del materiale in suo possesso. Una decisione che non andò giù alla 37enne che iniziò a inveire e insultare definendo “ladri” gli agenti presenti sul posto. A quel punto la donna fu identificata e denunciata a piede libero. Nove mesi di attesa fino alla sentenza del Giudice di Napoli che l’ha condannata a un mese di reclusione, pena poi “sostituita” da una multa di 3750 euro.