POZZUOLI – Venerdì Marco Calone tra i “carrarmati” al Rione Toiano, sabato Rita De Crescenzo tra le “case dei puffi” e domenica ancora lei nel Rione Artiaco (nel video sotto). A fare da cornice centinaia di persone che, incuranti delle norme anti covid, in tre giorni si sono riversate per le strade dei quartieri per assistere agli spettacoli abusivi dei neomelodici e della tiktoker arrestata 4 anni fa per spaccio di droga insieme ad altri affiliati al clan Elia di Napoli. Un fenomeno in ascesa già da qualche anno anche nella città di Pozzuoli dove performance abusive di neomelodici accompagnano scarcerazioni, feste di comunione, compleanni e serenate nel pieno disprezzo delle più basilari norme del vivere civile e senza il minimo rispetto delle regole.

SHOW A TOIANO – Nella serata di venerdì Marco Calone (nel video sotto) ha portato in strada oltre cento persone per una festa al Rione Toiano di Pozzuoli. In strada, tra i palazzi popolari, la sua band ha montato palco, luci, impianti acustici dando vita a uno spettacolo canoro andato avanti fino a tarda serata. Il bis è arrivato il giorno dopo con la tiktoker Rita De Crescenzo nelle case dei puffi, sempre a Toiano, dove per festeggiare la comunione di una bambina anche qui almeno cento persone hanno cantato e ballato fino a notte fonda, nonostante il coprifuoco. La festa si è conclusa con uno spettacolo di fuochi d’artificio.

AL RIONE ARTIACO – Tre giorni di show abusivi terminati domenica sera con l’ennesimo spettacolo di Rita De Crescenzo nel Rione Artiaco dove, per l’occasione, è stato montato un palchetto con tanto di casse e impianto di illuminazione dove la tiktoker si è esibita.