frigorigero-in-stradaPOZZUOLI –  Le strade del quartiere di Monterusciello rischiano di diventare delle vere e proprie “discariche” a cielo aperto, a causa dei numerosi rifiuti speciali e di ogni genere che vi si possono trovare quasi ogni giorno, abbandonati da ignoti residenti incivili della zona.  Gli occhi di molti abitanti sono ormai  avvezzi a scempi di genere, tanto da non farci più caso. Uscire di casa e trovarsi un elettrodomestico non più funzionante, o un pezzo d’arredamento non utilizzabile sul ciglio della strada, è la quotidianità di chi vive in una periferia dove il fenomeno dell’inciviltà non intende affatto placarsi, ma che invece  aumenta sempre di più, peggiorando giorno dopo giorno. Dopo le moltissime segnalazioni fatte dal nostro giornale sul rinvenimento di tanti divani abbandonati selvaggiamente, – rifiuti ormai del tutto frequenti nella grande periferia della città di Pozzuoli –  per le strade spuntano ogni tanto anche dei grossi elettrodomestici, come ad esempio dei frigoriferi.
matarasso1L’INCIVILTA’ – Stavolta non è il solito divano ad essere stato abbandonato lungo la strada da chissà quale incivile di turno, bensì un grosso elettrodomestico che tutti noi abbiamo nelle nostre  case: il frigorifero. Un rifiuto ingombrante quanto inusuale non passerà di certo inosservato agli occhi di passanti e conducenti auto che si troveranno in via Vicinale Canosa, nei pressi delle palazzine popolari del  “lotto” 9.  Sempre lungo la stessa strada dove è stato gettato il frigorifero, a poche decine di metri ad essere stato sbarazzato è anche un grosso materasso matrimoniale, appoggiato accanto ad uno degli alberi che costeggia lo stradone.  E così a Monterusciello continua l’inciviltà. E’ diventata quasi una “moda” quella di sbarazzarsi i rifiuti per strada, e pare che funzioni proprio così: quando si deve “rinnovare” casa, anziché chiamare la ditta “De Vizia” per la raccolta gratuita a domicilio, si caricano sulle spalle il rifiuto e lo disfano a pochi passi da casa, senza farsi alcuni scrupolo, oppure c’è chi preferisce allontanarsi, per sbarazzarlo in un luogo più desolato.