POZZUOLI – “Al peggio non c’è mai fine” direbbe qualcuno…Ed è così che dopo le luminarie “scarne”, gli spettacoli che stanno registrando non tanta partecipazione di pubblico arriva la ciliegina sulla torta: la comunicazione degli eventi natalizi affidata in ritardo, ancora silenziosa (oggi è 22 dicembre) e diretta verso alcuni canali “sbagliati”. Tutto ciò sta accadendo a Pozzuoli dove sono stati investiti circa 300mila euro per realizzare e promuovere gli eventi natalizi. Di questi soldi circa 100 mila euro sono stati spesi per il Capodanno che si annuncia da “pienone” (anche grazie alla tradizionale “scesa in piazza” che caratterizza l’ultimo dell’anno) e i restanti 200mila e passa euro spesi per luminarie e spettacoli. Ed ancora di questi 300mila euro appena 6mila euro sono stati stanziati per la comunicazione degli eventi e per la promozione di un Natale che, a 48 ore dall’arrivo di Babbo Natale, è limitata alle pagine Facebook del sindaco Vincenzo Figliolia, dell’assessore Teresa Moccia Di Fraia e del comune di Pozzuoli. Per il resto il nulla. O quasi.

Il sindaco Figliolia

LA COMUNICAZIONE – Ma dicevamo la “ciliegina sulla torta” è arrivata dal piano di comunicazione “accettato” da sindaco, assessora & company in cui è prevista la promozione degli eventi attraverso giornali, siti online (tra cui Cronaca Felegrea), radio e tv tra cui il blog politico che fa capo al movimento di opposizione “Pozzuoli Ora!”, nonostante ai suddetti media ad oggi (22 dicembre) non sia arrivata alcuna notizia. Una comunicazione/promozione per la quale c’è stato uno scarno investimento (appena 6mila euro) e che per forza di cose limita chi dovrebbe promuovere gli eventi di una città che punta fortemente al turismo. Insomma, strategie e programmi molto probabilmente da rivedere, come la tempistica dei bandi, fortemente in ritardo.

Teresa Moccia Di Fraia

LE ACCUSE – E sulla questione è intervenuto anche il blog politico di “Pozzuoli Ora” inserito, a sua insaputa, tra i siti online per il piano di comunicazione di Natale. Ed è subito polemica. «Ci fa sorridere che nel piano strategico di comunicazione, tra i siti on-line che sono citati, a nostra insaputa e con nostra meraviglia, è citato anche il sito ‘PozzuoliORA’. Per una decisione puramente rispettosa di questi giorni natalizi e di festa, ci siamo ‘imposti’ di non entrare nel merito degli eventi e della sua comunicazione (che non vediamo), è un bilancio che preferiamo fare solo dopo questi piacevoli giorni di festa -scrive- Riteniamo però fondamentale ribadire un principio: chi aggiudica le gare ed affida i servizi dovrebbe accertarsi almeno che chi le vinca abbia contezza del territorio. Qui stiamo parlando di qualcuno che confonde un sito di comunicazione politica con un sito di informazione. E aggiunge – Ci fa sorridere che il Comune di Pozzuoli affidi la comunicazione e tra i siti ci siamo anche noi, col nostro blog politico, senza nemmeno essere interpellati. Saremo comunque contenti di pubblicare tutte le informazioni che verranno diffuse da questa agenzia di comunicazione. Ad oggi, purtroppo, non vediamo nulla», conclude il gruppo consiliare Pozzuoli Ora.