di Angelo Greco

Rifiuti gettati in strada
Rifiuti gettati in strada (foto archivio)

POZZUOLI – “Dopo la quantità ci serve la qualità” è questo il diktat che gira tra le stanze del Comune di Pozzuoli quando si parla di raccolta differenziata. Raggiunto lo scorso mese il 79% di raccolta di differenziata in città, ed estesa la stessa a quasi la totalità dei cittadini di Pozzuoli, è tempo di agire laddove c’è ancora qualche falla. La situazione più problematica, in termini di qualità di differenziazione dei rifiuti, è nel centro storico. Tra sacchetti lasciati nei posti e nei giorni sbagliati, rifiuti differenziati male e cestini per le cartacce presi di mira come cassonetti la raccolta in quello che dovrà essere a breve il fiore all’occhiello della città è un vero disastro. Uno scenario disastroso apparso agli occhi del responsabile del servizio per il comune di Pozzuoli, Angelo Maione, venerdì mattina durante un sopralluogo effettuato inn piazza della Repubblica e aree limitrofe.

 

I PROBLEMI – Principalmente sul banco degli imputati c’è la qualità della raccolta: molto spesso i rifiuti o vengono selezionati in maniera sbagliata o vengono depositati nei giorni sbagliati e capita così che molti dei sacchetti vengano lasciati per i vicoli del centro storico senza essere raccolti in quanto la ditta incaricata della raccolta è impossibilitata a portare via i rifiuti non differenziati in maniera corretta. Altro problema è “l’assalto” ai bidoni degli esercizi commerciali: molto spesso i carrellati dei pubblici esercizi vengono usati come cassonetti dai residenti o dai passanti andando ad “inquinare” la differenziata fatta dai gestori. Eliminare tutte le problematiche del centro storico pare essere la prossima mission del Comune di Pozzuoli.