POZZUOLI – Minacciato con una pistola a Pozzuoli, a pochi passi da Piazza a Mare. Il malcapitato è un commerciante del centro storico che, nella mattinata di domenica, è stato avvicinato da un uomo in sella a una moto e con un’arma da fuoco in pugno. Le lancette dell’orologio segnavano le 11.30 del mattino. L’esercente era fermo in auto, in attesa che si liberasse un posto per parcheggiare, quando il malvivente gli ha puntato contro la pistola perché gli desse in cambio l’orologio che aveva al polso. Il commerciante, nonostante la forte paura, è riuscito a mettere in moto la macchina e a scappare, mandando in fumo i piani del rapinatore. Solo pochi secondi e del bandito si sono perse le tracce.

LO SFOGO – «Ho rischiato la vita in pieno giorno. Domenica mattina c’era Luigi Di Maio a Pozzuoli e un enorme dispiegamento delle forze dell’ordine soltanto in piazza della Repubblica. Il resto della città era terra di nessuno. Questi balordi, nel fine settimana, aspettano il turista di turno per rapinarlo», tuona il commerciante puteolano. «Com’è possibile che possa accadere una cosa simile alle 11.30 del mattino? Mi sono preso un brutto spavento», continua l’esercente, minacciato con una pistola nel centro cittadino. Ancora una volta residenti e commercianti reclamano maggiori controlli sul territorio ai fini di arginare i frequenti episodi di microcriminalità.