carminePOZZUOLI- Una corsa contro il tempo per salvare la vita a un bambino di 4 anni. Sono giorni di angoscia per la famiglia del piccolo Carmine, affetto da anemia emolitica e da citomegalovirus per i quali non ha difese immunitarie. Il bimbo è ricoverato dal 9 novembre scorso nel reparto di oncologia dell’ospedale Pausilipon di Napoli dove è sottoposto a continue trasfusioni. Per lui c’è un continuo bisogno di sangue “0 negativo” oppure “ORH negativo” che però scarseggia. Così genitori e familiari hanno deciso di affidarsi alla rete, ai social network e al nostro giornale per lanciare un appello per trovare donatori con lo stesso gruppo sanguigno del loro piccolo.

IL DISPERATO APPELLO – E sperano che Facebook renda virale questo appello per far giungere donatori anche da altre zone d’Italia «E’ fondamentale per tenerlo in vita – racconta la Pina, la zia del piccolo – Carmine ha un virus apparentemente innocuo per tanti ma non per lui perché non è autoimmune. Siamo in cerca di un miracolo. Spesso si utilizza Facebook per condividere post simpatici che poi diventano virali. Mi auguro possa succedere lo stesso anche questa volta, con un messaggio triste da far girare. Carmine, 4 anni affetto da anemia emolitica e da citomegalovirus, virus di per se non nocivo ma per il quale lui non è autoimmune. Ha un gruppo sanguigno “0 negativo”. Vi prego di far girare il messaggio per trovare donatori che abbiano questo raro gruppo sanguigno o, in caso contrario, che vogliano donare sangue che il Pausilipon poi potrebbe scambiare».

PER DONARE – Per le donazioni è possibile recarsi al secondo piano dell’ospedale Pausilipon dalle 8 alle 11 tutti i giorni dal lunedì al venerdì.