darsena
Tutto cambia per gli attracchi dei pescatori

di Alessandro Napolitano

POZZUOLI – Per oltre due mesi è stata totalmente ignorata, ma ora rischia di far scattare pesanti verbali. E’ l’ordinanza emanata dall’ex comandante della Guardia Costiera di Pozzuoli, Andrea Pellegrino, riguardante i posti barca nella darsena dei pescatori. Secondo quanto disposto dal tenente di vascello gli attracchi, considerato soprattutto l’esiguo numero di posti a disposizione, andranno assegnati prima di tutto a chi ha la residenza a Pozzuoli. Si tratta di una delle ultime iniziative dell’ex comandante, prima di lasciare il posto al tenente di vascello Angelo Benedetto Gonnella.

RESIDENZA PUTEOLANA – In pratica, ogni possessore di barche attraccate nella darsena, dovrà dimostrare la propria residenza puteolana. In questi giorni è in atto una sorta di censimento per fotografare la situazione e procedere di conseguenza. Bisognerà inoltre attenersi alla rotazione degli attracchi. Questi i punti principali dell’ordinanza: «Le banchine costituenti la Darsena Pescatori del porto di Pozzuoli sono destinate all’ormeggio di unità navali (piccola pesca/diporto), così come appresso specificato: banchina Nord e Banchina Sud (tratto compreso tra la scogliera ovest e lo scivolo d’alaggio): unità adibite alla pesca professionale; banchina Est – Scogliera Ovest – Banchina Sud (tratto compreso tra lo scivolo di alaggio e la banchina Est) : unità da diporto di lunghezza massima 7 (sette) metri di proprietà di cittadini residenti nel Comune di Pozzuoli». Sono previste ovviamente sanzioni in caso di inottemperanza dell’ordinanza, previste dagli articoli 54, 1161, 1164, 1174, 1231 e 1251 del Codice della Navigazione, dal decreto legislativo 171/2005, dall’articolo 650 del Codice Penale, dal decreto legislativo 04/2012 oltre che ritenuti civilmente e penalmente responsabili dei danni che possano causare a persone o cose in conseguenza delle trasgressioni commesse.