Le sigarette sequestrate a Sant'Antimo
Le sigarette sequestrate a Sant’Antimo

SANT’ANTIMO/CASALNUOVO – Oltre 50 chili di sigarette di contrabbando sequestrate dai carabinieri. I militari della tenenza di Sant’antimo e della stazione di Pomigliano d’Arco, in distinte operazione, hanno arrestato per contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Il primo fermo è avvenuto a Sant’Antimo ed è avvenuto ai danni di D’Ambronzo Giuseppe, 44 anni, residente a Casandrino e Pagano Giovanni, 30 anni, residente a Sant’Antimo, entrambi incensurati, sorpresi e bloccati in via Galilei mentre si scambiavano 25 kg di sigarette di contrabbando a pacchetti. Con successive perquisizioni domiciliari a casa dei 2 uomini, sono stati rinvenuti ulteriori 39 kg di sigarette.

ALTRI SEQUESTRI – In una diversa operazione invece è stata posta agli arresti Desiderio Pasqualina, 40 anni, residente a Casalnuovo di Napoli, già nota alle forze dell’ordine, sorpresa e bloccata in auto con vari pacchetti di sigarette di contrabbando. Con successiva perquisizione domiciliare, è stata trovata in possesso di ulteriori 1.500 pacchetti sigarette di varie marche estere di contrabbando, per un peso complessivo di 30 kg. Gli arrestati sono stati tutti sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.