POZZUOLI – Tutti abbiamo un sogno nel cassetto. Tutti, almeno per un po, ci abbiamo creduto. Pochi lo raggiungono. Così come ancora più poche sono le persone che di quel sogno hanno fatto la loro salvezza, la propria ispirazione per dare un pugno sul ring della vita. Vittorio e Lorenzo, in arte – rispettivamente – Tuono e OG Cohen, hanno deciso di raccontarsi a noi, alle pagine del territorio che li ha visti nascere, crescere e a cui sono profondamente legati nella loro quotidianità, con le loro basi ed i loro testi.

14572909_1676620932652259_4182804381692134253_nLA TRAP – E’ cosi che si definisce il genere di cui si fanno promotori, un genere per lo più sconosciuto nel territorio campano, e che vede le sue origini in America; si caratterizza per la sua base violenta, aggressiva – da non confondere con quella del Rap – su cui, poi, Lorenzo e Vittorio costruiscono i propri testi per raccontare se stessi, le proprie idee ed esperienze di vita. Un genere innovativo, una vera novità per il territorio puteolano e non solo, ed è con la passione e la forza di volontà che questi due ragazzi hanno deciso di intraprendere un percorso per nulla semplice, ma che rappresenta la loro possibilità di riscatto alla vita.

14523164_1289835567704859_1454141078710140372_nMISERIA E…UMILTÀ – Giovanissimi, nei primi anni della ventina, dalle idee molto chiare ed un passato che ha caratterizzato non solo il loro carattere, ma anche la decisione di intersecare i loro destini. E’ Vittorio il primo a raccontarsi e spiegare come l’assenza di un padre gli abbia segnato l’infanzia, costringendolo a lavorare molto presto e a terminare gli studi con notevole ritardo. Poi Lorenzo, il più piccolo dei due, ma anche la colonna portante del gruppo: carattere deciso, formato, a tratti contrastato da una presenza genitoriale per lui troppo invasiva rispetto allo spirito libero che caratterizza la sua anima; “tutti hanno una storia da raccontare, da condividere o rigettare al mondo; entrambi veniamo da famiglie umili. Ed entrambi amiamo la musica”, ci dice Lorenzo. E su queste basi, nel giugno scorso, i due mettono su una band, unendo l’esperienza di free style di Vittorio e quella ancora più sviluppata di Lorenzo con le basi musicali.

14390761_1666133100367709_3917812309229720802_nL’INIZIO DI UN SOGNO – Tutto è auto-prodotto: musica, testo, video e montaggi; da un piccolo studio adibito in casa, Lorenzo prepara una base di prova, su cui poi entrambi adattano testo e video. Tanta emozione nelle loro parole, per questa esperienza legata soprattutto alla possibilità di portare in giro la propria musica, la propria creatura. Incontri quotidiani e tempo rubato alla vita lavorativa, hanno fatto si che questi loro sacrifici potessero essere notati da chi di questo genere se ne intende: proprio questa estate, infatti, hanno avuto l’opportunità di esibirsi al Panorama con Enzo Dong, un noto rapper napoletano. Ma la vera svolta arriva qualche settimana fa, quando il 29 Ottobre vengono invitati al Golden Gate per aprire la serata di un noto cantante del genere Trap, Ghali. Emozione e Adrenalina: queste le parole con cui descrivono la loro prima esibizione di fronte ad un pubblico di duemila persone. Un’esperienza che ha segnato e triplicato la loro voglia di fare, oltre che il numero di contatti sulle rispettive pagine Facebook. E’ l’inizio di un sogno, dunque: Vittorio è la rabbia; Lorenzo la forza. Insieme, Tuono ed OG Cohen.