Carabinieri (9)
I due non si sono fermati all’Alt a Monte di Procida dando vita a un inseguimento terminato a Qualiano

MONTE DI PROCIDA – Un inseguimento iniziato a Monte di Procida e terminato a Qualiano, decine di chilometri percorsi ad alta velocità per sfuggire ai carabinieri che gli avevano intimato l’Alt. Nei guai sono finiti due giovani di Marano, sottoposti a fermo dai carabinieri della stazione di Monte di Procida, diretti dal maresciallo Giuseppe Perna. Si tratta di Sabatino Costanzo, 27 anni e Ciro Bevilacqua, 25 anni, entrambi già noti alle forze dell’ordine.

 

LA FUGA – I due giovani sono stati notati a bordo di una Fiat Uno su via Cappella, in atteggiamento sospetto, dai militari dell’arma che gli hanno intimato l’Alt per controlli. Alla vista dei carabinieri Costanzo e Bevilacqua hanno tentato la fuga, venendo comunque bloccati dopo un inseguimento terminato a Qualiano. Con successive verifiche i carabinieri hanno accertato che l’auto era stata rubata l’undici gennaio scorso ad un 48enne di Roma. A quel punto nei confronti dei due è scattato il fermo per ricettazione di auto rubata.

 

GDG