RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un cittadino di Pozzuoli partito nei giorni scorsi con la famiglia alla volta della Sardegna. «Per recarmi in Sardegna, così come previsto dall’ordinanza regionale, ho dovuto effettuare la registrazione su ‘Sardegna Sicura’. I miei figli hanno dovuto fare anche il tampone perché non ancora vaccinati. Arrivati all’imbarco di Civitavecchia, il personale ha controllato, però, soltanto il biglietto, mentre tutta la documentazione non è stata visionata. Nessun controllo nemmeno all’arrivo sull’isola. Devo ammettere che questa situazione mi ha infastidito parecchio sia per le spese sostenute per i tamponi che per il tempo trascorso a compilare tutta la pratica. A preoccuparmi, però, è soprattutto lo stato della sicurezza: noi eravamo certi di essere negativi e di non essere veicolo di contagio, ma gli altri? Mi aspettavo che facessero controlli per evitare quanto accaduto lo scorso anno ma così non è stato. Devo dire che nella nostra tanto bistrattata Campania le cose funzionano decisamente meglio e i controlli sono molto più rigorosi».