POZZUOLI – La Campania ancora una volta protagonista del viaggio di Enea da Troia all’Italia. Dal 23 al 26 settembre, infatti, prenderà il via la “Crociera dei valori”, una navigazione nei luoghi simbolo del viaggio dell’esule troiano cantato da Virgilio, da Scario attraverso Palinuro, Acciaroli, Sorrento e Bacoli per approdare a Pozzuoli dove si svolgerà la prima regata sportiva Rotta di Enea. L’annuncio è stato dato nel corso del Festival Internazionale della Rotta di Enea, organizzato dall’Associazione la Rotta di Enea in collaborazione con il Parco dei Campi Flegrei, una tre giorni dedicata all’eroe troiano che si è concluso, il 5 settembre scorso, nel Parco archeologico di Cuma, dove da ora in poi una targa con la mappa della Rotta di Enea, Itinerario Culturale certificato dal Consiglio d’Europa, segnerà l’ingresso all’ area archeologica.

L’INIZIATIVA – La costa del Cilento conserva infatti la memoria di Palinuro, mitico nocchiero di Enea e la Campania tutta rappresenta un crocevia emblematico dell’avventura di Enea. La “Crociera dei Valori”, una replica del viaggio di Enea, vuole promuovere, soprattutto presso le generazioni più giovani i valori dell’incontro, del dialogo, della mescolanza, valori fondanti della cultura e dell’identità mediterranea ed europea. Nel corso del Festival molte le iniziative annunciate. Ledia Mirakaj, addetto culturale dell’Ambasciata d’Albania, ha illustrato l’adesione del Ministero della Cultura albanese al Progetto e ha proposto l’organizzazione di un Meeting Internazionale presso il Parco Nazionale di Butrinto, sito della Rotta e patrimonio Unesco. Barbara Davidde, Soprintendente nazionale per il patrimonio culturale subacqueo e Soprintendente per le provv. di Taranto e Brindisi, ha illustrato il protocollo d’intesa sottoscritto con l’Associazione Rotta di Enea per la valorizzazione e promozione del patrimonio archeologico marino che si trova nell’itinerario. Il prof. Ioannis Poulios ha annunciato l’adesione dell’Eforato delle Cicladi e le prospettive di collaborazione con Chania per il 2022, in vista dell’incontro Internazionale degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa nell’ottobre del prossimo anno. Ospite d’onore della tre giorni del Festival l’Ambasciatore di Grecia in Italia Theodore Passas, cui è stata consegnata una targa dell’itinerario culturale La Rotta Di Enea. «L’area archeologica di Cuma – ha detto Passas – ci ricorda le comuni radici mediterranee della civiltà europea e ci ricorda anche, con il viaggi di Enea, la dimensione dell’esilio dalla propria città in fiamme. Una condizione che purtroppo si ripete anche ai nostri giorni e deve vederci impegnati in nome dei valori universali di solidarietà che sono alla base della nostra cultura».