POZZUOLI – Epiteti razzisti e carichi d’odio. È ciò che accaduto a due cittadini ucraini in una caffetteria di Pozzuoli. Uno dei due protagonisti, che ha sporto denuncia e segnalato l’accaduto al consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, racconta: «In un bar di Pozzuoli, la mattina dello scorso 7 marzo, mio fratello aveva ordinato e portato via due cappuccini d’asporto. Quando è tornato a casa si è accorto che mancavano 5 euro dal resto del conto. E così è tornato alla caffetteria facendo presente il disguido. Il proprietario del locale ha fatto attendere mio fratello 30 minuti prima di dare la parte mancante del resto ma la cosa più grave è che poi gli si è rivolto così: “Tu sei uno stron…, che vuoi? Vattene. Io odio l’Ucraina. Voi siete escrementi. Dovete morire tutti quanti. La Russia fa bene a bombardarvi. In Ucraina ci vuole uno come Mussolini per uccidervi”. Queste parole, di cui sono testimone, sono state pronunciate anche alla presenza di mia nipote di 10 anni». Le persone hanno sporto regolare denuncia.