POZZUOLI – «L’umanità non conosce confini. Ivan Imgrunt, sindaco di Yalta, città con cui siamo gemellati, ci ha inviato un messaggio di fraternità e solidarietà. Ed ha lanciato un ponte di cooperazione in aiuto alla nostra comunità: i cittadini di Sebastiopoli e della Crimea hanno raccolto aiuti umanitari, dispositivi sanitari, da donarci. Sono commosso: oltre ogni barriera, oltre ogni confine, la fratellanza dei popoli sarà più forte di qualsiasi epidemia. Sono in attesa di sentire il sindaco Imgrunt, a cui Pozzuoli rivolge già da subito il suo ringraziamento!». Lo dichiara il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, commentando il messaggio e l’azione messa in campo dal suo collega a capo della città russa, con la quale Pozzuoli è gemellata da tantissimi anni.

LA VICINANZA – «A nome degli abitanti della città di Yalta – ha detto il sindaco Imgrunt -, esprimo condoglianze alle famiglie delle vittime del Covid-19! Vorrei augurare forza fisica e forza spirituale a tutti coloro che combattono la malattia in isolamento. Sono orgoglioso che adesso i medici italiani lavorino fianco a fianco con i nostri specialisti russi che sono venuti ad aiutare gli italiani, come una volta medici italiani hanno salvato bambini di Beslan!».