firma di Ginestra
Salvatore Ginestra al momento della firma insieme al direttore Massimo Avallone

POZZUOLI–  Tanto tuonò che piovve. A  poche ore dalla riapertura del mercato, puntuale, il Rione Terra ha riaccolto il “figliol prodigo” Salvatore Ginestra. Salutato Gennaro Spinosa, sfortunata la parentesi dell’esperto attaccante all’ombra della Solfatara, la società dell’antica rocca  ha così deciso di riaffidarsi ai gol e al carisma del bomber puteolano per provare a rilanciare le proprie ambizioni dopo un inizio di campionato sottotono.

 

RITORNO A CASA– Per il calciatore, che ha iniziato la stagione agonistica al Villa Literno, altra compagine del girone A di Promozione, si tratta di un ritorno a “casa”. Per lui, in 10 anni di permanenza, ben 183 goal. Ginestra, dopo la firma con il DG Massimo Avallone, non nasconde la sua felicità per essere nuovamente tra le fila del Rione Terra: “Per me il Rione Terra è stato sempre il massimo, purtroppo ad inizio anno ci sono state delle incomprensioni che mi hanno portato a fare scelte infelici, di cui chiedo scusa a chi ha sempre creduto in me- cosi recita il comunicato diramato dalla società- Senza sminuire il Villa Literno, ma indossare la maglia del Rione Terra, per me che sono puteolano, trasmette sensazioni e motivazioni uniche. Ringrazio il presidente Di Bonito e lo staff societario, nessuno escluso, per avermi dato questa seconda chance. Conosco bene i miei compagni e, nonostante i risultati, dico che siamo un’ottima squadra, abbiamo tutto per risalire la classifica. Il gruppo è unito e siamo dalla parte del mister. Non vedo l’ora di scendere in campo, sono pronto a dare il mio contributo a partire dalla prossima sfida di domenica (ore 10.30 al “Conte”) contro il Cellole”.