PORTICI – Brutta battuta d’arresto della Puteolana 1902 che cade nel derby campano nella sfida valevole per la trentesima giornata di serie D girone H. Al “San Ciro” di Portici i padroni di casa si impongono con un 4-0 che non ammette repliche. Partita opaca e poco convinta degli undici in maglia granata scesi in campo senza la giusta verve agonistica essenziale in una sfida come questa, fondamentale in chiave salvezza. E’ superfluo sottolineare che a questo punto del campionato ogni partita è decisiva ad incamerare punti utili ad abbandonare i bassifondi della classifica; ma quella di quest’oggi in particolare la si affrontava con una diretta concorrente, per l’appunto il Portici. Azzurri a 25 punti e con un passivo di 18 sconfitte, per quanto in un incredibile momento di forma, reduci da due vittorie consecutive conquistate contro Sorrento e contro la prima della classe, il Taranto.

IL MATCH – Si mette subito in salita la partita dei flegrei, costretti da subito ad inseguire il Portici che si porta in vantaggio al 4’ minuto grazie ad un calcio di rigore siglato da Prisco. Gli uomini di Ciaramella bravi a gestire il pallino del gioco ma non altrettanto validi nel dare profondità alla manovra e a rendersi pericolosi dalle parti dei pali protetti da Spina. Logica attendista e di rimessa per il Portici che non mette in mostra chissà quale spettacolo calcistico se non qualche contropiede non particolarmente degno di nota. Ci mette 40 minuti la gara ad accendersi. Ancora un calcio di rigore concesso in favore del Portici per un presunto fallo di Granata ai danni del solito Prisco. Penalty per gli azzurri e rosso diretto per il difensore puteolano. Dagli undici metri è ancora Prisco a trasformare in rete ed a spezzare la rincorsa granata. In dieci uomini la Puteolana rinuncia praticamente alla manovra offensiva concedendo campo ed occasioni agli azzurri di casa che trovano il terzo goal con D’Acunto. Sul finale è addirittura un terzo rigore, realizzato dal puteolano Nicolas Grieco, a dare ai padroni di casa la gioia del 4-0 e agli ospiti l’onere di continuare a provarci in un cammino salvezza che si fa sempre più difficile.