Home Sport Calcio CALCIO/ L’esordio amaro di Campilongo, chiamato a dare un’anima (e un gioco) alla Puteolana

CALCIO/ L’esordio amaro di Campilongo, chiamato a dare un’anima (e un gioco) alla Puteolana

0
CALCIO/ L’esordio amaro di Campilongo, chiamato a dare un’anima (e un gioco) alla Puteolana
foto di Carol Violante
foto di Carol Violante

POZZUOLI – E’ stata una settimana frenetica in casa granata. Dall’esonero di Mister Marra al “Campilongo Day”, la presentazione in “pompa magna” allo stadio Domenico Conte con apertura al pubblico ed in presenza delle più alte cariche pubbliche cittadine. Cinque giorni per dare all’ambiente quella scossa tanto invocata dai sostenitori ed evidentemente sentita dai vertici societari. Un tratto temporale veramente troppo esiguo per consentire a Campilongo di dare un’impronta propria (anima e soprattutto gioco) alla Puteolana 1902 arrivata quest’oggi alla partita casalinga contro il Martina Franca con mille motivazioni per dare una svolta alla stagione e mostrare al proprio pubblico un volto diverso. La sfida era valevole per l’ottava giornata di campionato di Serie D girone H. I granata si sono affacciati al match da ultimi della classe, nessuno ha fatto peggio dei flegrei: soli 3 punti in 7 giornate con soli 6 reti segnate e ben 15 subite.

foto di Carol Violante

INIZIO SPRINT – La partita si era mesa bene. Dopo 5 minuti era arrivata la rete firmata da Esposito che timbrava il primo centro in campionato. L’attaccante sfruttava al meglio una mischia in area di rigore e firma la marcatura. Il Martina Franca cresceva con il passare dei minuti e trovava il gol del pareggio al 38’ con la zampata vincente in area di rigore ad opera di Diaz. Nella ripresa la squadra ospite scendeva in campo con maggiore convinzione e firma dopo pochi minuti il gol del sorpasso, con Lopez che infila la difesa granata. Puteolana che non riusciva a reagire e i pugliesi trovavano il terzo gol con Diaz che trova la doppietta che chiude la gara. Una prova incolore per i granata ancora lontani dall’essere una squadra con ambizioni quantomeno di salvezza: lancia lunghi, centrocampo inesistente (eccetto Grieco, l’unico a mettere corsa e grinta) e squadra in affanno. Non è ovviamente possibile attribuire alcun demerito al Mister Campilongo praticamente appena arrivato a Pozzuoli, ma la scossa emotiva e caratteriale che sarebbe stato lecito aspettarsi non c’è stata. Il tecnico dovrà sudare tanto oltre che pretendere qualche rinforzo all’organico per raggiungere l’obiettivo minimo di permanenza in serie D.

Puteolana: Maiellaro, D’Ascia (69’ Romano), Varchetta, Grieco, Esposito (75’ Haberkon), Guarracino (64’ Iadaresta), Amelio, Di Palma, Gatto (64’ Fontanarosa), Di Lorenzo, Arrivoli. A disposizione: Lamberti, Catinali, Avella, Lamboglia, Cavallari. Allenatore: Campilongo.

Martina Franca: Suma, Cappellari, Nikolli (80’ Tuccitto), Perrini, Cerutti, Teijo, Diaz (74’ Ancora), Pinto (52’ Petitti), Suhs, Lopez (83’ Salvi), Mancini. A disposizione: Semeraro, Mangialardi, Petitti, Aprile, Amabile, Sebastianelli. Allenatore: Pizzuli.

Marcatori: 5’ Esposito – 38’ Diaz, 52’ Lopez, 65’ Diaz
Ammonizioni: Grieco, Gatto, Fontanarosa, Amelio, Di Palma – Tuccitto

Luxury Chic
Spazio disponibile
Testa Slot
Non Pesa
Thun Pozzuoli
Lovable Pozzuoli
Lovable Pozzuoli
Nello Savoia Sindaco di Bacoli
Antica Pasticceria Del Giudice
Nina Shoes & Bags
Giosi Ferrandinoi
Allianz Di Bonito
De Vizia