Insolito palcoscenico per il derby di Pozzuoli
Insolito palcoscenico per il derby di Pozzuoli

MONTE DI PROCIDA – Al Vezzuto Marasco di Monte di Procida si è svolta la 5 giornata del Campionato di Promozione che ha visto il Monte di Procida contro la Rocchese. Le squadre prima del fischio di inizio, osservano un minuto di silenzio per Valentina Schiano, la giovane ventenne morta in un tragico incidente automobilistico lo scorso martedì. L’inizio gara è da subito interessante: Ferraiolo della Rocchese ottiene al 1′ minuto di gioco un calcio di rigore realizzato con un tiro secco a sinistra del portiere, da Santucci. La risposta della squadra di casa arriva al 9′ minuto con un bel tiro in porta di Mauriello che non realizza il goal del pareggio. I ragazzi di Mister Monaco, soffrono il vantaggio della Rocchese e cercano di reagire timidamente anche grazie ai guizzi di Raffaele Masullo che diventa protagonista di una serie di azioni pericolose al 33′ e al 37′, che non realizzano il tanto ricercato pareggio. Ma al 39′ la Rocchese guadagna una punizione al limite sinistro dell’area, realizzata da Fiorillo che trova il compagno Carmine Polichetti pronto per realizzare il secondo goal.Il primo tempo si chiude con la Rocchese in avanti per 2 reti a 0.

IL SECONDO TEMPO – La seconda frazione di gioco si apre con un Monte di Procida che vuole accorciare le distanze, al 1′ il gioiellino Gennaro Lucignano, 17 anni, realizza, con una bella azione personale, il goal che accorcia le distanze, con un imprendibile tiro angolato a sinistra del portiere che non può niente. Ma la gioia per il Monte di Procida viene spezzata all’11’ quando da 50 metri, dell’under Ferraioli, 16 anni, realizza un goal alla Florenzi, che porta la Rocchese sul 3 a 1. I ragazzi di Mister Monaco però non mollano, e diventano protagonisti di azioni pericolose e finalmente al 19′ Raffaele Masullo, con un bel tiro che si infila all’angolo destro del portiere, accorcia le distanze, siglando in 2 a 3. La partita si riapre con un Monte di Procida che vuole e cerca il pareggio, ma nonostante un vero e proprio assedio nell’area avversaria, con il portiere stesso, Vincenzo Cortese, che nell’ultimo minuto di recupero lascia la sua porta per dare sostegno alla sua squadra, il match si chiude in favore della Rocchese.
L’AMAREZZA DI MONACO – Tanta l’amarezza per Ezio Monaco «Dopo la bella vittoria della scorsa settimana io mi aspettavo un approccio diverso, volevo lo stesso approccio della settimana scorsa, bisognava andare sulla stessa lunghezza d’onda, bisognava stare attenti, siamo entrati senza determinazione e cattiveria. Perché quando incontri delle squadre con esperienza basta il minimo errore e ti puniscono, noi gli abbiamo regalato 3 goal e merito a loro che hanno sfruttato l’occasione di buttare la palla dentro. La Squadra può crescere, ma c’è bisogno di tanta umiltà e spirito di sacrificio, noi ci alleniamo 4 volte a settimana e una Squadra di Promozione è difficile che si alleni così. Però quando vai in campo devi cercare di mettere in atto quello che fai durante la settimana, ma se c’è la presunzione e con c’è l’umiltà giusta non si riescono a raggiungere i risultati sperati».

TABELLINO

Monte di Procida: Cortese, Caputo (16’st Illiano), Rotta, Mauriello, Santangelo, Aresini, Carannante, Masullo (35’st Improta), Coppola, Di Letto (1’st Borrini), Lucignano

A Disposizione: Scotto di Luzio, Volpe, Chiocca, Esposito

Allenatore: Ezio Monaco

Rocchese: Rispoli, Asciuti, Cilento, Iapicco, D’Auria R., Fiorillo, Bisogno, Picarone(6′ st Amodio), Santucci (27’pt Mandara), Polichetti, Ferraioli ( 6’st Salzano)

A Disposizione: Settembre, Sansone, Amato, Giordano

Allenatore: Rosario Cerminara

Ammoniti: D’Auria, Iapicco, Amodio

Recupero: 2’pt, 4’st

Marcatori: Santucci ( 1’pt R.), Polichetti (39′ pt), Lucignano (1′ st), Ferraioli (15′ st), Masullo (19’st)

Spettatori: 200 circa