Real Pozzuoli ciroNAPOLI – Dopo una vittoria in campionato e tre successi in Coppa Campania, arriva la prima sconfitta per il Real Pozzuoli. I gialloblu, ieri in granata, sono caduti sul prato verde dell’Arci Scampia dove è andata in scena la sfida tra Ciro Vive e Real. Dopo che i colori delle due squadre si sono mischiati in una meravigliosa foto e il grido della compagine di casa per ricordare Ciro è riecheggiato nell’aria, il fischio del direttore di gara dà avvio alla sfida.

 

LA GARA – Mister D’Alicandro non può contare su Pisano ed Atrio, quest’ultimo uno dei migliori mercoledì sera, e schiera il consueto 1-2-1. Tra i pali esordio per Lobasso, capitan Orlando viene schierato in posizione di centrale. I laterali sono E. Daniele ed Ursomanno, a fungere da pivot un Volpe non proprio al 100% della forma a causa di un problema alla caviglia che lo tormenta. Il Real sembra non scendere in campo, dopo 3 minuti è già 2 a 0 per i padroni di casa, in rete Abete e Narducci. Disattenta la difesa che si è lasciata imbucare due volte con troppa facilità. Nei 4 minuti successivi arrivano altri due gol: Volpe, con un bel sinistro dal limite, riporta in gara gli ospiti. Ma lo svantaggio si allunga nuovamente dopo nemmeno sessanta secondi, quando Abete trova la doppietta personale. Il Real pare un pugile barcollante pronto a crollare al suolo, ma è solo un grande Ioffredo, con un superbo salvataggio sulla linea, ad evitare la rete del 4 a 1. Accusato il colpo il Real prova a farsi vedere in avanti. I granata sembrano essersi svegliati dal letargo ed infatti trovano la rete del 3 a 2: uno-due Ursomanno Daniele, il primo salta poi anche il portiere e deposita in rete. La gara ora è in bilico, ma proprio a pochi minuti dal termine della prima frazione di gara ecco la rete del 4 a 2: rilancio dell’estremo difensore di Ciro Vive per Salvati che in diagonale supera Lobasso. D’Alicandro è infuriato.

 

LA RIPRESA – Giunge l’intervallo e l’allenatore prova a rinvigorire i suoi i quali stanno peccando soprattutto da un punto di vista della personalità e della grinta. La ramanzina sembra funzionare, nei primi minuti il Real ha delle ghiottissime occasioni per rientrare prepotentemente in gara, ma prima il palo di Prencipe, dopo l’incrocio di Orlando, poi il portiere, autore di veri e propri miracoli, infrangono i sogni di gloria dei puteolani. Quest’ultimi sembrano non crederci più ed il 5 a 2 arriva come una doccia gelata: a realizzarlo ancora Salvati. D’Alicandro chiama il time-out per spronare i suoi uomini, mancano 9 minuti e decide di giocarsi la carta del portiere di movimento. La strategia non dà i frutti sperati: il Real non sfrutta al meglio la situazione di superiorità numerica ed anzi sono gli avversari a giovarne segnando altri due gol per il definitivo 7 a 2. Cade il Real, ma forte non è colui che non cade, ma colui che cadendo ha la forza di rialzarsi. Martedì, in Coppa contro Eden Acerra, l’occasione giusta per farlo al più presto. Da evidenziare la bella accoglienza della compagine di casa, alla quale vanno solo elogi per tutto quello che stanno facendo. Dopo due tempi di battaglia in campo, ecco il terzo tempo offerto dai padroni di casa. Le due squadre, il presidente Pastore, la signora Leardi e Pasquale Esposito si sono fermati insieme in un bel momento di socializzazione ed aggregazione. Perde il Real, ma è un trionfo dello sport, della solidarietà, del fair-play, e questo conta forse più di ogni cosa.

TABELLINO

Ciro Vive 7 – 2 Real Pozzuoli

Ciro Vive: Sileno, Lecce, Muro, Narducci, Salvati, Crasta, Mazzocchi, Intatto, Cinicolo, Abete, Ciccone, Faccetti. Dir. acc.: Pasquale Esposito.

Real Pozzuoli: Lobasso, R. Daniele, Orlando, Prencipe, Mellone, Ioffredo, E. Daniele, Ursomanno, Di Costanzo, Del Giudice, Testa, Volpe. All.: Gigi D’Alicandro.

Marcatori: 1′ p.t. Abete (CV), 3′ p.t. Narducci (CV), 5′ p.t. Volpe (RP), 7′ p.t. Abete (CV), 20′ p.t. Ursomanno (RP), 26′ p.t. Salvati (CV) – 19′ s.t. Salvati (CV), 24′ s.t. Salvati (CV), 28′ s.t. Ciccone (CV)

Ammoniti: /

Espulsi: /

Tiri liberi: 0-0 p.t. / 0-0 s.t.