sport-per-bambini-iperattivi_9782abd0e71cd420f10423282e6fca6fBACOLI – Nella Sala Giunta della Casa Comunale, con una delibera di Giunta su cui hanno lavorato gli Assessori a Sport e Politiche Sociali Marco Di Meo e Francesca Illiano, è stato firmato un protocollo d’intesa tra l’amministrazione comunale e le associazioni e società sportive del territorio a favore dei ragazzi provenienti da famiglie indigenti. Diverse le realtà sportive che hanno già aderito all’iniziativa e tante altre che hanno già promesso di volervi partecipare. Perché lo sport è di tutti e per tutti: «Lo sport è uno dei pochi elementi che unisce la popolazione al proprio territorio – ammette il vice-Sindaco Marco Di Meo – Devo dire che tante società già facevano questo tipo di attività in maniera lodevole. Ora, però, siamo riusciti ad istituzionalizzare questo processo di solidarietà dai contorni sportivi facendo sì che il Comune faccia da collante tra le associazioni e società sportive e le famiglie più indigenti. Sono fiducioso che questo tavolo e questo protocollo si possa allargare sempre di più a tutte le altre società sportive che vogliano aderire all’iniziativa».

VICINI ALLE FAMIGLIE INDIGENTI – A sottolineare l’importanza dell’azione intrapresa dal Comune di Bacoli anche le parole dell’Assessore alle Politiche Sociali Francesca Illiano: «Tante famiglie non riescono, economicamente, a far praticare lo sport ai propri figli. Per questo motivo abbiamo pensato di mettere in contatto diretto le società sportive e l’ufficio dei servizi sociali che le contatterà ogni qual volta ci sarà la necessità di accogliere un bambino/a. Si tratta di un protocollo di solidarietà e di giustizia sociale che intende combattere la forte disgregazione sociale a cui siamo stati abituati per tanto, troppo tempo».