BACOLI – Un’imbarcazione di quasi 8 metri sparisce nel nulla. È la storia avvenuta a Bacoli e denunciata da Michele S., appassionato di barche e di pesca sportiva, al consigliere regionale di Europa Verde. «Sono originario di Bari ma da circa 20 anni vivo a Bacoli, dove mi sono trasferito per motivi di lavoro. Lo scorso settembre la mia barca, ormeggiata in un campo boe a Bacoli, viene rubata e non se ne ha più traccia, cosa molto strana date le dimensioni. Ho sporto due denunce, un settembre e l’altra dicembre, ovviamente però ci sono dei tempi tecnici a cui la magistratura è sottoposta ed io temo che in tutto questo tempo la mia barca, puntata da ladri professionisti, possa essere stata rivenduta. Ho voluto raccontare questa vicenda per lanciare un appello a chi eventualmente abbia potuto acquistare la barca dopo che magari la documentazione è stata contraffatta. Fate attenzione potete incorrere in un incauto acquisto, per cui se avete acquistato una barca che nelle descrizioni corrisponde alla mia controllate bene la provenienza ed i documenti. Ovviamente questo episodio non intacca minimamente il mio amore per Napoli, che difendo ogni volta a spada tratta dalle accuse che vengono da fuori, accuse che si reggono soltanto su luoghi comuni». «Condividiamo e diffondiamo questa storia con la speranza che possa essere individuata sia la barca del signore Michele che i criminali che l’hanno rubata, bisogna far su questa vicenda e fare in modo che nessuno incappi involontariamente in un acquisto illecito», ha commentato il consigliere Borrelli.